fbpx

Durante: Giuntoli? ha avuto il freno di De Laurentiis ma è un cavallo di razza

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Sabatino Durante, agente Fifa e grande esperto di calcio sudamericano
Futuro di Skriniar? “Non capisco perché si debba parlare tanto di questo calciatore. Chi è Milan? Ci sono tanti calciatori simili allo slovacco… Vedi Kim del Napoli, ha qualcosa in meno di Skriniar? In passato è stato offerto Eder Militao all’Inter, le nostre società dormono, non decidono o decidono in ritardo. Poteva essere ingaggiato anche Alvarez, calciatore molto più essenziale e cinico rispetto a Lautaro. Al Mondiale ha giocato, infatti, Jualian. Alla fine dell’anno, i nerazzurri venderanno probabilmente Lautaro e riceveranno circa 80 milioni. Skriniar è un buon calciatore, ma non di altissimo livello. Farà probabilmente la differenza in Francia, ma in Premier? Potrebbe anche non farla… Lo Stoccarda ha un difensore classe 98′ simile a Milan. Non stiamo parlando di giocatori al di sopra della media, non è Samuel. Vedi anche Renan, classe 2002, di origini brasiliane, è un ottimo prospetto per il futuro. Condivido le parole di Moratti. Quando un calciatore non rinnova e passano giorni o mesi, significa che non è intenzionato. L’Inter è una grande squadra, ma sul mercato deve comportarsi come una provinciale per la propria liquidità, poiché deve necessariamente vendere. Zhang telefona tutte le sere per sapere se Dumfries sia stato venduto o meno… La situazione delle squadre italiane è questa. Il calcio in Italia svolge anche una funzione sociale, ma essendo così indebite, dovrebbero pagare i dirigenti, non i semplici cittadini del tessuto sociale”. Idee e competenze per ingaggiare calciatori sul mercato: perché alcune squadre utilizzano un metodo differente? “Alcune squadre non ci arrivano perché si ritengono degli scienziati… Purtroppo ancora non capiamo che la squadra di calcio deve avere uno stadio di proprietà. Stiamo indietro su tutto. Sono sempre stato una voce fuori dal coro, ma essere più intelligenti della media è un handicap. La media dei nostri dirigenti è scarsa… Siamo rimasti ancorati ad una concezione del calcio italiano del passato, non ci siamo evoluti. A livello di federazione siamo rimasti indietro e continuiamo ad avere la supponenza di chi crede di essere i primi al mondo. Siamo rimasti un paese antico, anche dal punto di vista delle idee. Dobbiamo essere curati, la nostra mentalità calcistica deve cambiare”. Presunzione dei dirigenti la causa delle azioni della Juve? “Non so se possa succedere un nuovo Calciopoli. Il nostro calcio è in crisi, non esiste nessun regolamento il quale affermi che le plsuvalenze dovrebne essere sanzionate. Ma siamo al tragicomico se si pensa di colmare alcune pezze in questo modo. Dobbiamo voltare pagina, altrimenti affonderemo”. Parere su Mourinho? “La storia del calcio moderno ed antico… Nel calcio conta il risultato, si gioca bene soltanto se si hanno in rosa calciatori di qualità. La Roma non gioca bene, ma non ha una grande squadra e Mourinho sta svolgendo un buon operato. Ma il paragone con la rosa del Napoli e Giuntoli è lampante. Cristiano, infatti, ha avuto il freno di De Laurentiis per alcuni anni, ma è stato poi liberato, è un cavallo di razza. Ha idee e passione, purtroppo non tutti i direttori sportivi sono lasciati liberi, poichè spesso tutti pensano che sappiano di calcio. Lasciamo lavorare i direttori sportivi”.