fbpx

Durante: l’unico nemico del Napoli potrebbe essere il Napoli stesso

Il mercato del Napoli
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Sabatino Durante, ex calciatore, tra le tante, di Milan e Lazio, ed attuale giocatore del Portici
Come si ritrova la concentrazione in casa Milan dopo la gara con la Lazio? “È un periodo sottotono, la Lazio ha giocato la miglior partita della gestione sarriana. Il Milan deve ritrovarsi, adesso si trova in difficoltà. I Mondiali hanno lasciato delle scorie negli uomini più rappresentanttivi della squadra. Pioli deve ritrovare fiducia”. Occasione scudetto irripetibile per il Napoli? “Complimenti alla società ed a Spalletti per il girone d’andata impressionante. È una squadra che merita la vetta della classifica, credo che sia un’occasione irripetibile per vincere lo scudetto. Gli azzurri devono soltanto continuare lungo questo scia, perché è una chance troppo importante”. Occasione di vittoria anche per Spalletti? “Squadre forti e scontri al vertici ci sono sempre stati. Grande merito al Napoli per la stagione in corso, ha un’occasione irripetibile. Sono anni che questa città sogna di diventare nuovamente campione, i calciatori dovranno essere concentrati e lucidi. Devono mantenere la stabilità della mancchina perfetta costruita”. Novità del gioco moderno del Napoli? “Alla base c’è tanto lavoro, gli schemi e le posizioni di Mario Rui e Di Lorenzo sono frutto di un grande operato, soprattutto di Spalletti. Sta svolgendo un lavoro importante con calciatori, i quali stanno riuscendo a reggere la pressione di trovarsi in vetta. Il Napoli deve tentare di mantenere il primo posto del campionato sino alla fine, l’unico nemico potrebbe essere il Napoli stesso”. La Lazio sta ripercorrendo le orme del Milan della passata stagione? “Non è agevole lavorare a Roma, l’equilibrio tra vittoria e sconfitta è difficoltoso. I meriti vanno attribuiti a Sarri per il suo operato, emblematica la vittoria di ieri. In questi mesi alla Lazio è mancata la continuità, deve cercare di ambire ad un posizionamento tra le prime quattro della classe, dopo soprattutto la penalizzazione subita dalla Juve”. Crescita di Mario Rui? “Mi fece qualche assist quando giocavamo insieme… Era molto giovane, aveva un piede educato ed era molto determinato, anche durante gli allenamenti. Si è costruito una carriera importante fino ad arrivare ad oggi. È uno dei giocatori più importanti e rappresentativi del Napoli, mi fa molto piacere. Merita di vivere un momento simile. È un ragazzo molto applicato, ha tanta cattiveria agonistica. Dopo alcune critiche ricevute, si è ritagliato uno spazio importante in una squadra forte”. Esperienza al Portici? “Bisogna battagliare, è stata una scelta fimale della mia carriera per portare mentalità in una squadra la quale può lottare per salire nei professionisti. Mi auguro che qualche sponsor mi possa aiutare a togliere questa soddisfazione, regalando al Portici un risultato importante”.