fbpx

Focus azzurro-Napoli:Roma-L’ autostrada davanti

Focus azzurro-Il consueto punto del giorno dopo- Napoli:Roma

Focus azzurro- La banda Spalletti vince per 2 a 1 contro la Roma una partita decisamente complessa e prende esageratamente il largo nel campionato italiano. È stata assolutamente una prova di forza quella del Napoli, che dopo essere stato raggiunto dalla Roma ha avuto il coraggio di giocare ancora in maniera propositiva e di vincere meritatamente la gara.  Ma soffermiamoci ora sulle prestazioni dei calciatori azzurri. Positivo Meret che compie due grandi parate su Spinazzola e Cristante, però appare ancora troppo insicuro sulle uscite. Se riuscirà a migliorare anche questo particolare, diventerà il miglior numero Uno in Italia.

Combattiva e tenace la coppia centrale formata da Rrahmani e Kim

Rrahmani a mio modesto parere è un giocatore assolutamente sottovalutato, si prende come sempre sulle spalle la mole del gioco sporco della squadra, presidiando la propria area di rigore con l’aggressività di un vero Dobermann. Si vede poco ma si sente molto. Feroce e determinato il coreano Kim, riesce a rintuzzare in ogni modo le sortite degli attaccanti romanisti con una caparbietà e velocità da applausi. Discreto il supporto degli esterni bassi di Lorenzo e Mario Rui. Il capitano attacca meno del solito lo spazio offensivo, però si fa trovare sempre pronto in fase difensiva. Monumentale Marittiello Rui, attacca e difende in maniera esponenziale ed ha anche il merito di avviare in modo celebrale l’azione che porta al primo Eurogol di Osi. In tanti si devono ricredere e fare ammenda sul suo apporto alla causa azzurra.

Come spesso gli capita al contempo muscolare e celebrale il contributo del centrocampo azzurro

Zielinski gioca una partita di altissimo profilo tecnico, piena di strappi offensivi e di rifiniture sontuose per i colleghi di attacco. Quando è in vena (come ieri), è uno dei migliori centrocampisti europei. Indistruttibile Anguissa che per lunghi tratti della gara porta quasi da solo la croce della mediana partenopea. Si ha però l’impressione che quando le partite salgono di ritmo, lui soffra fisicamente. Ma è comunque un dettaglio rispetto alla cifra di abnegazione che regala alla combriccola di Spalletti. Geniale come sempre il mago Lobotka, gioca un calcio sconosciuto ai comuni mortali, prende per mano la squadra e la dirige verso una meritata vittoria.

Pungente e cattiva la linea avanzata azzurra

Sgusciante Lozano che mette costantemente in affanno la retroguardia del Mou, spreca però malamente un contropiede che avrebbe potuto chiudere anticipatamente la partita. Ispirato e brillante il georgiano Kvara. Si ha sempre la netta sensazione che appena si accende, può provocare danni irreparabili alle formazioni avversarie. Sta studiando alacremente per diventare un formidabile fuoriclasse! E poi c’è lui, lo spettacolare e imprendibile Victor Osimhen. Segna il gol del vantaggio napoletano sovvertendo tutte le tradizionali leggi della fisica, scaraventando il pallone in rete ad una velocità supersonica. È diventato in breve tempo, il beniamino assoluto della torcida partenopea. Mi ripeto è l’uomo a cui tutta Napoli deve aggrapparsi per raggiungere il tanto sospirato tricolore! Due parole a parte vanno detto anche per il Cholito Simeone, ha una media incredibile tra minuti giocati e gol realizzati, ieri ha segnato una rete di rara bellezza che ha annichilito la Roma e mandato Napoli in Paradiso. Propositivi e talentuosi i calciatori subentrati, Raspadori, Elmas e Ndombele che hanno messo sul piatto della gara la loro quantità di ingegno e determinazione. In definitiva la banda di ” Mister Veleno” continua a vincere asfaltando moduli e avversari ed è ormai lanciata verso la Terra Promessa. Ormai abbiamo una autostrada libera davanti e la stiamo percorrendo a bordo di una macchina bella esteticamente ma anche straordinariamente efficace. A questo punto dobbiamo assolutamente arrivare senza se e senza ma alla meta fissata e cioè alla conquista di questo benedetto terzo scudetto. Napoli è pronta a vivere qualcosa di grande…