fbpx

Jack Raspadori, infortunio grave. Fuori squadra per lungo tempo

Jack Raspadori

Jack Raspadori, infortunio grave. Fuori squadra per lungo tempo

Si tratta della distrazione di secondo grado del muscolo semimembranoso della coscia sinistra, le sue condizioni saranno rivalutate più in là, ma già si prospetta un lungo stop, forse fino ad aprile.

Come scrive il Corriere dello Sport: “Raspadori potrebbe tornare a ridosso della sosta o direttamente il 2 aprile con il Milan, dopo la pausa, e ciò significa che mancherà oggi, martedì in coppa, a Empoli, con la Lazio, con l’Atalanta e nel bis con l’Eintracht del 15 marzo decisivo per la qualificazione ai quarti.

E ancora, a fortissimo rischio, sono anche la trasferta con il Torino del 19 marzo e l’impegno della Nazionale”.

Raspa non ci sarà contro il suo Sassuolo

L’assenza di questa sera contro il suo Sassuolo, squadra che questa estate lo ha ceduto al Napoli per 35 milioni di euro, fa venir meno l’eventuale “gol dell’ex” che,

Giacomo Raspadori, ove mai avesse avuto la possibilità di giocare nei 90 minuti, avrebbe tentato più volte di mettere a segno.

Invece il Napoli dovrà sperimentare altre vie, magari schierando in campo il duo Lozano Osimhen, oppure affidandosi a Simeone, sempre pronto a fare bene quando

mister Spalletti lo ha lanciato nella mischia.

L’assenza di Raspadori è una mazzata per Luciano Spalletti, ma anche per Roberto Mancini: perché Jack è uno dei gioielli su cui il tecnico della nazionale puntava

per il rilancio dell’Italia nelle qualificazioni agli Europei.

Questa la diagnosi dopo gli esami strumentali

La diagnosi è severa. “Gli esami strumentali effettuati hanno evidenziato una distrazione di secondo grado del muscolo semimembranoso della coscia sinistra. L’attaccante azzurro ha già iniziato l’iter riabilitativo e verrà rivalutato nelle prossime settimane”.

Questo quanto trapelato appena dopo gli esami strumentali a cui Raspadori è stato sottoposto presso la clinica Pineta Grande di Castelvolturno.

L’abbraccio dei compagni, di Osimhen e di Simeone, in primis, ha confermato il legame del gruppo. Sulla chat, per tutto il giorno, l’unico argomento erano gli auguri a Raspa, che per un gioco del destino non potrà essere della gara con il suo Sassuolo…il suo piccolo mondo, dove è cresciuto.