fbpx

Focus azzurro-Eintracht:Napoli-Due coriandoli per Carnevale

Focus azzurro-Il consueto punto del giorno dopo-Eintracht- Napoli

Il Napoli lancia due coriandoli sulla testa del Francoforte e vince la prima sfida per l’accesso ai quarti di finale della Champions. La partita non è stato affatto facile per gli azzurri, che hanno giocato un primo tempo al di sotto dei loro standard abituali. Gli azzurri sono poi venuti fuori nella ripresa siglando due reti e mettendo in ghiaccio la vittoria finale. Ma ora addentriamoci nelle dinamiche della gara azzurra. Inoperoso Meret che sbriga solo la normale amministrazione, rimanendo però sempre un punto di riferimento assoluto per il comparto difensivo. Discreto il supporto tattico degli esterni bassi Di Lorenzo e Olivera. Il capitano è un autentico leone, asfalta la sua fascia d’appartenenza segnando anche una rete da trequartista consumato. Uno degli eroi più luminosi di questa squadra! Bravo Olivera a rispettare le consegne fornitegli da Spalletti, non si vede molto in fase propulsiva ma è maledettamente utile in quella interdittiva.

Assolutamente dominante la coppia centrale difensiva composta da Rrahmani e Kim

Rrahmani gioca una partita molto attenta, come al solito si carica il lavoro sporco della retroguardia azzurra annichilendo anche il talentuoso Kolo Muani. Straripante Kim che sprizza energia da tutti i pori, destabilizza gli attaccanti avversari prima con lo sguardo e poi con la sua proverbiale determinazione agonistica, diventata ormai leggenda. Mostruoso!

Estremamente brillante il supporto del centrocampo azzurro

Elegante Zielinski che si produce in alcuni dei suoi celebri strappi, regalando leggerezza alla mediana partenopea. Da rilevare che difficilmente fallisce in Europa. Energico Anguissa che ritorna dopo qualche partita ai suoi livelli congeniali, sfida il centrocampo tedesco sfinendolo e irridendolo. Monumentale il mago Lobotka, inizia la partita in sordina ma quando decide di premere l’acceleratore del centrocampo azzurro, gli avversari rimangono ammutoliti. L’università di Napoli sarà costretta a concedergli prima o poi, una laurea honoris causa in “Regia applicata al calcio”. Spesso si ha l’impressione che giochi in maniera troppo celebrale, per gli altri abitanti del pianeta pedatorio.

Prorompente la linea avanzata azzurra

Lozano contro il Francoforte sfodera una delle sue miglior partite da quando è sbarcato a Napoli. Decide fin da subito di spaccare la sfida scattando in continuazione e diventando quindi un autentico tormento per la difesa tedesca. Ieri non l’avrebbero preso nemmeno le volanti della Polizia teutonica. Solita partita gladiatoria di Osi, che lotta contro chiunque gli capita a tiro segnando anche il gol che indirizza la partita verso la vittoria. Gara sottotono invece del georgiano Kvara, che sbaglia un rigore e non brilla come suo solito. Si fa perdonare parzialmente regalando un assist al bacio a Di Lorenzo, che rifinisce il successo finale. Concludendo la banda di “Mister Veleno” non arresta la sua corsa sia in Europa che in Italia. Giocando contro il Francoforte una partita sontuosa, che conferma ancora una volta di più lo strapotere di questa squadra straordinaria. Si ha la netta sensazione che a questo punto, solo il Napoli può essere artefice del proprio destino. E che alla fine della fiera potranno arrivare grandissime soddisfazioni…