fbpx

Napoli Atalanta, Gasperini costruisce la gabbia. Lobotka avvisato

Napoli Atalanta

Napoli Atalanta, Gasperini alle prese con la costruzione della gabbia. Lobotka avvisato

Il tecnico Orobico sta preparando la partita con la mente rivolta al suo collega Sarri, che al Maradona, ingabbiando Lobotka, ha vinto con la sua Lazio contro la squadra partenopea.

Quali saranno le risposte di Spalletti?

Intanto Spalletti sta pensando alle contromosse.

La Gazzetta dello Sport propone un “interessante Focus” su quanto Sarri ha saputo tatticamente architettare per fermare il motorino napoletano Lobotka.

Ovvio che Spalletti, memore di quanto accaduto con la Lazio, stia pensando a delle controffensive. Napoli-Atalanta, si giocherà sabato alle 18 al Maradona:

“Sarri è riuscito laddove hanno fallito certi suoi colleghi, ha ingabbiato Lobotka e inceppato il giro-palla del Napoli. Anderson e Zaccagni si accentravano sul regista slovacco e ne sporcavano i pensieri e i passaggi. Niente di clamoroso, proprio in Atalanta-Napoli del 5 novembre, partita bellissima, forse la più bella dell’attuale Serie A, vinta in rimonta dalla capolista, proprio quel giorno, dicevamo, Gasperini aveva chiesto a Pasalic di appiccicarsi a Lobotka e lo slovacco si era appannato. A centrocampo però aveva preso il potere Anguissa e il camerunese aveva innescato la ripartenza dell’1-2 di Elmas, il gol del ribaltone (l’Atalanta era passata con Lookman su rigore, poi l’1-1 di Osimhen).

Anguissa al fianco di Lobotka

Anguissa aveva assunto le mansioni di Lobotka. Sabato non dovrebbe essere Pasalic a schermare Lobotka, sembra più verosimile che Gasperini scagli Ederson contro il regista di Spalletti. Ederson è uno degli atalantini più in palla e ha fisico e tecnica a sufficienza per trasformare una pressione in un’opportunità offensiva. Rispetto a novembre, c’è una novità. Di Lorenzo, di base terzino destro, ha imparato a sdoppiarsi, ad accentrarsi e a trasformare in una specie di interno aggiunto. Anguissa e Di Lorenzo possono contribuire al palleggio e al possesso e hanno il piede per innescare i due fenomeni là davanti, Kvaratskhelia e Osimhen”.

In attesa di poter vedere in campo le diverse ingegnerie, ci limitiamo a pensare che si tratterà soltanto di una…partita di calcio!!!