fbpx

Aurelio De Laurentiis: “Sono molto scaramantico…speriamo che questo scudetto non s’ammoscia. Per quanto riguarda le pecore nere…”

Aurelio De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis: “Sono molto scaramantico…speriamo che questo scudetto non s’ammoscia. Per quanto riguarda le pecore nere…”

Il presidente prosegue: “In curva quei delinquenti hanno mortificato i veri tifosi! La festa? La faremo allo stadio dove non è possibile creare disordini!”.

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha voluto sottolineare alcuni suoi pensieri alla stampa, durante il tempo in cui è stato presente al Coni. Ha risposto ad alcune domande: 

Preoccupato per la sconfitta col Milan? “Assolutamente no. Nella vita come nel calcio si vince e si perde e si pareggia. Bisogna vedere alla fine i risultati finali”.

La Procura della Repubblica apre un fascicolo

I fatti accaduti in curva sono sotto la lente d’ingrandimento della Procura di Napoli che ha aperto un fascicolo.
“Questa è una storia che dura da 50 anni. Finché non si prende la legge della Thatcher e la si mutua in Italia, avremo sempre questi problemi. Quelli non sono veri tifosi ma delinquenti ai quali si permette di andare allo stadio e di mortificare i veri tifosi e le famiglie con episodi che sono davanti agli occhi di tutti”.

Disordini alla festa scudetto? “Mi auguro di no, anche perché la festa scudetto avverrà allo stadio e allo stadio non ci possono essere dei disordini. Abbiamo la fortuna di avere un signor Questore e un signor Prefetto e credo che tutte le precauzioni possibili verranno prese. Ma poi non è che ci stiamo portando iella da soli parlando di scudetto? Alla fine magari questo scudetto s’ammoscia. E poi bisogna vedere quando si vincerà. Se uno dovesse vincerlo prima, probabilmente anche la celebrazione arriverà man mano perché già i napoletani stanno festeggiando in tutta la città e io sono molto preoccupato essendo scaramantico. Prima ero più scaramantico col cinema, col calcio no perché si gioca sempre, ma ora la stanno facendo tornare. Mi sembra una follia tutto ciò ma fa parte del calore napoletano al quale sono abituato sin da bambino.

ADL: “Ci sono pochi uomini veri”

Segreti della stagione? Saper fare il mercato, non avere alcuna difficoltà a levare le pecore nere. Si può anche arrivare a scadenza contrattuale. Visto che non ti sei mai sentito partenopeo o colore azzurro è bene che tu vada altrove. C’è una bellissima confessione di Berlusconi quando voleva Maradona al Milan ma non è stato possibile. Quelli sono uomini veri, ma di uomini veri ce ne sono pochi. Noi ora abbiamo una squadra estremamente rinnovata, i giovani si sono resi conto di essere un unico corpo, siamo finalmente in undici o ventidue piuttosto che essere in tre, quattro, cinque, uno. Mi pare che si gioca per tutti, al di là dei risultati.

Aurelio De Laurentiis

Costo biglietti Champions? Credo che il Milan, quando noi andremo su, incasserà oltre 10 milioni, e noi arriveremo forse a 5 milioni. Il Milan ha messo un biglietto in vendita a 800 euro, noi al massimo a 500 per la Tribuna autorità con 80 posti al massimo tra sponsor e quelli che gestisce il Comune. Se lei compra una Mercedes o una Fiat a Napoli, la paga meno che a Milano? Non credo. Allora anche questo fatto molto tipico degli italiani di piangersi addosso è qualcosa che dovremmo mettere da parte. Napoli è un superplus, lo penso da quando ero bambino, d’altronde frequento Capri, Ischia, la Costiera. Certo sono stato anche alle Maldive, ma poi che noia questo mare uguale e spiagge bianche. Con chi parli, poi? Con altri italiani? Sembra di stare in esilio. L’Italia è bellissima così come tutte le regioni. In Toscana ad esempio ho fatto la maggior parte dei miei film.

ADL: “Kvaratskhelia? Non rompete le palle”

Rinnovo Kvaratskhelia? Ma la volete finire di rompere le palle? Ma i contratti si è in due a farli, quindi che vuol dire? Uno negozia e poi il contratto va avanti per cinque anni, mica per uno.

Screzio Spalletti-Pioli? Ci può stare perché quelli sono momenti dove il risultato di una partita ti può far avere sotto l’epidermide determinate reazioni. Quando noi entriamo in campo ci si da la mano e ci si scambia i gagliardetti, ma poi com’è che dopo una scintilla c’è subito un capannello come fosse una rissa? Fa parte dell’elemento sportivo. Altrimenti sarebbe tutto smosciato. Spalletti ha grandissimo carattere ma anche educazione”.