fbpx

Lecce Napoli 1-2, le pagelle. Di Lorenzo da vero leader, bene Mario Rui

Lecce Napoli 1-2, le pagelle. Di Lorenzo da vero leader, bene Mario Rui

Lecce e Napoli si sono affrontate allo stadio Via del Mare per la ventinovesima giornata di Serie A. Il match si è concluso con il risultato di 1-2.

Dopo la sonora batosta rimediata contro il Milan al Diego Armando Maradona (clamoroso 0-4 il risultato finale), gli uomini di Spalletti conquistano tre punti d’oro, prima della doppia sfida di Champions League che vedrà ancora una volta opposti azzurri e rossoneri.

Lecce Napoli, le pagelle:

Meret 6,5 – Un intervento a scacciare la palla dall’incrocio evita che la partita si metta in salita.

Di Lorenzo 7,5 – Toglie dalle spalle dei compagni il peso di Napoli Milan con la rete del vantaggio. Infastidisce Falcone sul gol del 2-1. Salva il possibile 2-2 con un preziosissimo intervento difensivo.

Rrahmani 6 – Controlla la sua zona. Sul gol dei padroni di casa, non riesce ad accorciare su Di Francesco.

Kim 6,5 – Stavolta è assist-man. Ottima la palla di interno destro per la zuccata del numero 22.

Mario Rui 6,5 – Non butta il pallone. Così facendo, trasmette tranquillità alla squadra.

(Olivera s.v.)

Anguissa 5,5 – Ancora nessuna traccia della continuità nei 90’ alla quale ci aveva abituato. Non riesce ad arginare Di Francesco in occasione dell’1-1.

Lobotka 6,5 – Nei primi minuti sembra avere addosso gli strascichi di domenica scorsa. Con lo scorrere del cronometro, quel timore non si materializza.

Elmas 6 – Il macedone rientra costantemente nei cambi e nelle rotazioni. Porta a termine la sua missione, gestendo con applicazione le due fasi. Sfiora l’1-3.

Lozano 6,5 – Falcone gli nega due volte il gol del raddoppio.

(Ndombele 6 – Per le qualità che possiede, dovrebbe fornire un contributo maggiore. Troppi gli errori banali)

Raspadori 6 – Lo stop si fa sentire, ma è sempre tra i più generosi.

(Simeone s.v. – Il flessore va ko dopo una frenata. Sfortunato.

Politano s.v.)

Kvaratskhelia 6 – Parte con il freno a mano tirato, poi la sua prestazione sale di livello.

(Zerbin s.v.)

All. Spalletti 6,5 – Aveva messo in guardia l’ambiente sul fatto che nessun traguardo è stato ancora tagliato. La partita si è rivelata complicata proprio come l’aveva immaginata, ma il risultato è stato portato a casa.