fbpx

Focus azzurro-Bologna:Napoli-Il futuro ci aspetta!

Focus azzurro-Bologna:Napoli- Il consueto punto del giorno dopo

La banda Spalletti pareggia in trasferta contro il Bologna per due a due e vede sfumare il record di Sarri dei 91 punti. Il Napoli ha giocato un ottimo primo tempo, andando in vantaggio con un gol di Osi su un clamoroso svarione difensivo del portiere Skorupski, ma poi si è addormentato nella ripresa facendosi recuperare il doppio vantaggio da un tonico Bologna. Ma ora soffermiamoci sulla partita dei calciatori azzurri. Attento Gollini che riesce ad amministrare la propria porta con grande tranquillità.

Sufficiente il supporto tecnico- agonistico degli esterni bassi Bereszynski e Olivera

 Il primo gioca una bella partita riuscendo a difendere la propria fascia con arguzia, ed è assolutamente risolutivo nel chiudere nel secondo tempo, un’azione offensiva del Bologna estremamente pericolosa. Sottotono Olivera che non è sembrato avere la sua solita baldanza agonistica, venendo spesso e volentieri infilzato dagli attaccanti felsinei. Dignitosa la prova della coppia centrale difensiva composta da Rrahmani e Kim. Rrahmani si batte come un leone controllando con puntualità il proprio comparto, ed è quello che chiude la luce quando tutti vanno a dormire. Non stratosferica la partita del coreano Kim, che però quando c’è da battagliare ed aiutare i compagni in difficoltà risponde sempre presente.


Non esaltante la gara del centrocampo azzurro

Svogliato Zielinski che non si produce quasi mai nei suoi famosi strappi offensivi, spegnendosi agonisticamente poco a poco. Troppo riflessivo Anguissa, non riesce mai dare ritmo al centrocampo azzurro, ed è deficitario anche nella fase interdittiva. Stranamente normale la domenica del Mago Lobotka, non si accende quasi mai, ma usa il suo straordinario mestiere per far comunque girare al meglio la squadra.

 Ondivaga la partita della linea avanzata partenopea

Ancora acerbo Zerbin che corre come un matto, ma non sempre fa la cosa giusta al momento giusto. Ma ha il tempo sicuramente dalla sua parte! Genialoide come sempre Kvara, che pensa e soprattutto fa cose che i comuni mortali non osano. Si ha però la netta senza sensazione, che qualche volta si intestardisca in qualche dribbling di troppo, invece di passare saggiamente la palla al compagno meglio piazzato Ma è un fenomeno e lo si sa! Straripante la gazzella Osimhen che corre indomito e indisturbato, nelle assolate praterie della difesa rossoblu, provocando spesso squarci letali. Segna due reti da consumato centravanti, consolidando la prima posizione nella classifica marcatori della massima serie. Complimenti Osi! Francamente non rilevante il supporto dei subentrati. Concludendo il Napoli di “Mister Veleno” perde la ghiotta possibilità di superare il record di Sarri, ma questo non inficia assolutamente più di tanto lo straordinario percorso fatto. Perché il record sarebbe stato solo la classica ciliegina su una torta, decisamente buona e abbondante. Adesso al di là di quelli che se ne andranno e quelli che rimarranno come si paventa, dobbiamo essere assolutamente fieri della formazione di Mister Spalletti, che ha praticamente asfaltato il campionato italiano. Ora ci sarà l’ultima partita in casa con la Sampdoria con annessa festa, che concluderà ufficialmente il tripudio cittadino. Bisognerà però adesso cominciare a programmare il futuro, se non si vuole che questo fenomenale campionato del Napoli rimanga solo una isolata vittoria calcistica, che noi tutti abbiamo fantasticamente vissuto. Quindi forza e coraggio che il futuro ci aspetta!