fbpx

Simeone parla di Napoli, di Osimhen, di Kvaratskhelia e di Maradona dice…

Simeone

Simeone parla di Napoli, di Osimhen, di Kvaratskhelia e di Maradona dice…

Simeone, attaccante del Napoli, ha rilasciato un’intervista al giornale spagnolo As esprimendo i suoi pensieri su Osimhen, su Kvaratskhelia, su Napoli:

“Osimhen è un calciatore che sa trovare lo spazio e poi fa tutto spontaneamente”.

“Kvaratskhelia punta sempre il difesnsore e al 90% lo supera”.

“A Napoli ti accolgono con amore”.

Di Kvaratskhelia: “Quello che balza subito agli occhi è che cercare sempre di puntare il difensore. Non ha altro in testa, anche se qualche volta gli viene male, torna sui suoi passi e lo fa di nuovo. Sapevo che era un calciatore forte, ma quando l’ho visto in campo aperto mi sono reso conto che bestia è. Come Victor”.

Di Victor Osimhen nel corso della sua intervista al quotidiano As: “Sembra che non sia sempre presente, ma ogni volta che arriva il pallone inventa qualcosa. E’ un calciatore spontaneo, non prepara i suoi movimenti, gli vengono fuori dal nulla e questo complica tanto la vita ai difensori. Sa trovare lo spazio e calciare bene”.

Giovanni Simeone ha raccontato il suo impatto con la città di Napoli: “Ho notato la differenza tra la gente di Napoli e quella del nord. Qui ti accolgono con amore e questo mi ha aiutato tantissimo, siamo molto simili noi argentini.

Inoltre essere il primo argentino da parecchio tempo ha fatto sì che i tifosi mostrassero sempre un affetto speciale nei miei confronti. Volevo sentirmi parte della città e la gente mi ha fatto subito sentire tale”

Giovanni Simeoneper Napoli sarà sempre il primo argentino che è riuscito a vincere in azzurro dopo Diego Armando Maradona. Quante vale per il Cholito?: “Mi rendo conto di questo pian piano, vedendo ogni immagine, ogni murale o foto con le nostre facce nelle strade della città.

Diego, il figlio di Maradona, mi scrisse il giorno dopo la rete alla Roma: “Mio papà ti ha mandato qui”. Lì ho capito perché ho voluto tanto questa maglia”.