fbpx

Focus azzurro-Tutto come prima

Focus azzurro-Tutto come prima-La consueta rubrica del giorno dopo della partita partenopea

Focus azzurro tutto come prima- Il Napoli vince tra le mura amiche per 2 a 0 contro il Sassuolo la sua seconda partita in campionato e sale come gli compete in testa alla classifica italiana. Gli azzurri hanno giocato una partita sontuosa, pressando continuamente l’avversario di turno e alla fine della fiera il risultato appare pure striminzito, rispetto alla quantità e qualità di azioni costruite dalla formazione azzurra. Ma ora addentriamoci nei meandri della partita. Inattivo Meret che guarda la propria squadra giocare applaudendola continuamente. Diligente il contributo tecnico-tattico degli esterni bassi partenopei Di Lorenzo e Olivera. Il Capitano gioca una partita eccezionale, elevandosi spesso a supporto del comparto avanzato. Di Lorenzo in questo momento storico sembra aver trovato una condizione fisica e tecnica, che gli consente di essere individuato come uno dei terzini migliori della storia del Calcio Napoli. Il prolungamento del suo contratto era un atto assolutamente dovuto! Positivo Oliveira che però in alcuni frangenti di gioco sembra nascondersi un pochino, forse per colpa di una condizione ancora approssimativa.

Solido e compatto l’apporto tecnico della coppia centrale difensiva, formata da Rrahmani e Jesus.

Tonico e reattivo Rrahmani, che diventa con la partenza del coreano Kim il vero e proprio Ministro della difesa napoletana. Il centrale non perde mai la lucidità e contrasta con i morsi e con le unghie tutte le sfuriate offensive avversarie. Complimenti! Affidabile Jesus che collabora brillantemente con il compagno di cordata, risultando alla fine uno dei migliori della difesa partenopea. Straripante il supporto tecnico del centrocampo napoletano. Fenomenale Anguissa al contempo razionale e illuminante nella mediana azzurra. Il centrocampista azzurro alza una diga fin dal primo minuto della gara per contrastare il centrocampo emiliano, uscendone assolutamente vincitore. Zambo continua a stupire per la sua calma olimpica, che gli dà la possibilità di leggere meravigliosamente, tutte le dinamiche della partita in corso.

Focus azzurro-Tutto come prima-Zambo è sicuramente uno dei migliori acquisti fatti  dal Napoli negli ultimi anni!

Genialoide come sempre Lobotka, ci mette poco a capire le sorti della partita e comincia a dirigerla con il suo proverbiale talento. Delizioso Zielinski che a mio parere con il Sassuolo gioca la sua miglior partita da quando è sbarcato a Napoli. Il polacco è di  intelligenza calcistica superiore agli umani mortali, gioca tra le linee producendo un calcio tutto fatto di intuizioni e ornamenti balistici, che lo rendono assolutamente unico nel panorama calcistico europeo. Piotr con il suo rifiuto al denaro arabo, potrebbe diventare il vero valore aggiunto del Napoli di Garcia!

Focus azzurro-Tutto come prima-Guizzante e propositiva la linea avanzata partenopea.

Indemoniato Politano che è già in una condizione fisica eccellente, salta l’uomo con irrisoria facilità e inventa assist per i compagni in quantità industriale. Devastante! Elettrico come spesso gli accade Osimhen, segna un rigore in maniera impeccabile ed è una spina costante nella difesa avversaria. Osi avrebbe potuto concludere meglio in un paio di situazioni, ma questo solo per essere precisi e noiosi. Leggermente sottotono Raspadori che si batte e si sbatte fin dal primo minuto, ma risulta alquanto evanescente in fase conclusiva. Raspa sbaglia anche un rigore ma ciò va considerato un peccato veniale. Nota di merito per Kvara che entra nella ripresa e disegna da subito calcio su una tela completamente azzurra, il suo assist per il secondo gol del Capitano e da autentica commozione. In definitiva il Napoli di Garcia comincia  bene il proprio percorso in campionato di fronte al suo pubblico e fa capire agli addetti ai lavori che è ancora la lepre da andare ad acciuffare. È vero le altre  principali antagoniste si sono decisamente rinforzate con gli acquisti di tanti calciatori talentuosi, ma l’impressione comune è che la squadra di Garcia quando ha voglia di giocare può asfaltare chiunque. A questo punto le prime due vittorie in campionato sono già in soffitta e come si dice in questi casi chi ben comincia è già alla metà dell’opera!