fbpx

Salisburgo-Napoli, la conferenza stampa di Mr Ancelotti

Alle 17.30 mister Ancelotti ha parlato in conferenza stampa della sfida di domani sera contro il Salisburgo

Come di consueto il giorno pre gara, il tecnico del Napoli Mr Ancelotti ha parlato in conferenza stampa.

Ad accompagnare il tecnico azzurro in sala stampa, Hysaj, che domani dovrebbe partire dal primo minuto.

Il Napoli sarà impegnato domani sera nella gara di ritorno alla Red Bull Arena di Salisburgo.

Il match di andata si è concluso 3- a favore degli uomini di Ancelotti.

Gara che non può essere presa sottogamba, un po per la forza degli avversari, un po perché il Salisburgo in casa è una squadra temibile.

Il Napoli inoltre dovrà affrontare il match con alcune squalifiche e defezioni, soprattutto in difesa.

Queste le parole di Carlo Ancelotti:

Prima domanda sulla Juve e l’impresa dei bianconeri

“Ha dato dei segnali importanti. La Juve è molto forte, l’Atletico non è una squadra abbordabile. Hanno fatto un’impresa straordinaria con un giocatore straordinario, Ronaldo, che non cala mai e si esalta in queste partite”.

-Domanda su Insigne e il momento difficile che sta vivendo

“Da napoletano sente tanta responsabilità, quello che ha avuto è uno sfogo comprensibile. Non possiamo controllare le critiche, si deve concentrare sul gioco e sulle partite”

-Possibile vedere la Supercoppa Europea tra Juventus e Napoli?

“Sarebbe fantastico per il calcio italiano”

-Quali rischi ha la sfida contro il Salisburgo?

“Il rischio è di gestire la gare e non giocare come sappiamo per 90′ “

-Quale dei sui calciatori l’ha colpita come crescita?

“Tanti di loro mi hanno sorpreso. Adesso in primo piano ci sono Meret e Ruiz ma anche Allan e Callejon stanno facendo benissimo. Sia più vicini alla Juve di quello che dice la classifica”

Quali squadre sono favorite per L’Europa League?

“E’ una competizione equilibrata, ci sono le inglesi, noi, l’Inter, il Siviglia”

-Si parte dal 3-0.

“Buon risultato ma non dobbiamo pensarci, dobbiamo giocare al meglio delle nostre possibilità”

Si passa ora a Hysaj:

-Il 3-0 dell’andata può farvi calare la concentrazione?

“No perchè sappiamo che il Salisburgo è una buona squadra e dobbiamo restare concentrati e scendere in campo per fare risultato”

Tornando a Mr Ancelotti, dopo il Sassuolo c’era da lavorare sulla testa dei giocatori?

“No perchè eravamo dispiaciuti ma dobbiamo guardare avanti, il turno di campionato tra le due gare europee è sempre complicato”.

-Preoccupati per il terreno di gioco?

“No, sembra in buone condizioni, è un impianto molto bello e ci sarà una bella atmosfera”

-Un pensiero rispetto alle parole di Insigne?

“Uno sfogo comprensibile, da napoletano sente la responsabilità. E’ importante per la squadra ed è normale che abbia una attenzione diversa rispetto agli altri”.

-Differenze tra il secondo tempo con la Juve e la gara col Sassuolo, come se le spiega?

“Questione psicologica e anche se abbiamo fatto molte rotazioni, chi ha giocato meno a questo punto non è al cento per cento”

In attacco chi gioca?

“Sicuramente Milik, poi vedremo chi lo affiancherà”.

Giuntoli sembra a un passo dal rinnovo.

“E’ la conferma di un progetto che continua, un progetto che sta andando bene, sono contento tranne che per le casse del club (ride)”.

-Si torna a Hysaj, che non ha ancora segnato in maglia azzurra.

“Aspetto il gol da tanto tempo, se arrivasse sarei felicissimo”

-Ancora il mister. Il pressing del Salisburgo può mettervi in difficoltà?

“Pressano bene e sono aggressivi ma se superi la prima barriera poi ci sono degli spazi interessanti, dobbiamo essere bravi a sfruttarli come all’andata”.

-Domanda per Hysaj e il suo percorso con Ancelotti.

“E’ stato un cambio importante dato che sono stato con Sarri 6 anni. Ma è importante cambiare ogni tanto, ti fa crescere tanto e lo state vedendo tutti che sto crescendo partita dopo partita”.

-Ancora il Mister, cose da ripetere e da evitare rispetto all’andata.

“Dobbiamo avere lo stesso atteggiamento, il Salisburgo sarà più offensivo e meno prudente. Dobbiamo controllare la gara e imporre il gioco. Per quanto Chiriches e Luperto in difesa, non ho alcun timore perchè sono entrambi affidabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.