fbpx

La questione ammutinamento finisce al Collegio Arbitrale

de laurentiis il mattino

Entro lunedì la questione ammutinamento finirà  al Collegio Arbitrale

TUTTOSPORT –  La questione ammutinamento finisce al Collegio Arbitrale, si legge su Tuttosport. Entro lunedì prossimo (alla vigilia della partenza per Liverpool) Aurelio De Laurentiis porterà la questione ammutinamento davanti al Collegio Arbitrale della Figc. La richiesta sarà di trattenere il 50% dello stipendio del prossimo mese, fino alla pronuncia definitiva della Corte. A ciò si aggiunge anche il giudizio civile, per chiedere ai giocatori il risarcimento per i danni d’immagine subiti dalla società con quel rifiuto di andare in ritiro. E qui la questione può prendere le pieghe più svariate.

Napoli, un ammutinamento che fa male a squadra e tifosi

Aurelio De Laurentiis non ha affatto digerito quell’ammutinamento e la questione finisce al Collegio Arbitrale.

Come racconta il Corriere dello Sportgiocatori del Napoli vorrebbero spiegare in una conferenza stampa i motivi dell’ammutinamento. Le difficoltà sono palesi, evidenti fino alla noia. Però dopo lo schiaffo di Champions (no al ritiro) e la decisione del club di multare tutti decurtando lo stipendio lordo del mese, provando anche a intentare una causa civile per lesione dell’immagine, il gruppo ha deciso di concentrarsi esclusivamente sul calcio. Sul Milan: il prossimo, fondamentale impegno di San Siro.

Anzi: i calciatori avrebbero già voluto e vorrebbero ancora parlare per spiegarsi pubblicamente. L’intenzione è ricomporre la frattura con la società e la città, in aperta contestazione anche per la crisi di risultati. Ma il permesso è stato negato. Al silenzio stampa non si deroga, nulla da fare. Il caso-Elmas, nei cui confronti il club azzurro ha anticipato sanzioni disciplinari per aver concesso un’intervista in Nazionale a un quotidiano macedone, ha confermato la linea dura”.

2 thoughts on “La questione ammutinamento finisce al Collegio Arbitrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + sei =