fbpx

Alla scoperta del diaframma e della sua correlazione con la postura

Diaframma e postura

Muscolo diaframma

Come il diaframma cambia la postura

Si sente spesso parlare di “diaframma” e della sua stretta correlazione con la respirazione e la postura. Grazie alla nostra collaborazione con “Rigenera Life” approfondiremo tale argomento nel consueto appuntamento con la salute e il benessere. Oggi avremo il piacere di avvalerci della consulenza  del dott. Diego Merlo, osteopata, al quale porremo delle basilari domande a riguardo. 

Dott. Merlo, che cos’è il diaframma e quanto è importante la sua funzione per il nostro corpo?

“Il diaframma o diaframma toracico è un muscolo impari, cupoliforme e laminare che separa la cavità toracica da quella addominaleLa sua elasticità è la base per il corretto funzionamento del corpo umano. Esso assicura il corretto apporto d’aria ai polmoni, allargando e restringendo la gabbia toracica durante la respirazione. Con il suo movimento, il diaframma effettua una sorta di massaggio sui visceri, li irrora e li purifica oltre a stimolarli nelle loro funzioni (la digestione ne trae giovamento e si allevia la stitichezza)Attraverso l’ispirazione e l’abbassamento del diaframma, si ha una dilatazione e defaticamento del cuore e al tempo stesso una dilatazione dei polmoni con ingresso più energico e rapido dell’aria.”

Dove si trova il diaframma?

“Il diaframma connette torace e addome, il cuore e i polmoni sono appoggiati sulla parte superiore del diaframma, mentre inferiormente si hanno fegato, intestino, milza. Il movimento diaframmatico, per la sua posizione, quindi aiuta in generale il reflusso sanguigno e linfatico dal ventre al cuore, facilita la digestione e giova al sistema immunitario che viene rinforzato e stimolato al funzionamento.”

Cosa accade durante l’inspirazione e l’espirazione?

“L’innalzamento diaframmatico durante l’espirazione crea spazio a livello addominale; in questo modo il sangue può defluire maggiormente agli arti inferiori mentre, il sangue che si trova nella parte superiore dell’addome, può essere spinto al cuore con maggiore forzaNella fase inspiratoria invece, l’abbassamento del diaframma, facilita il deflusso del sangue dalla testa e dagli arti superiori, al cuore. Già dalla descrizione del movimento diaframmatico durante l’inspirazione ed espirazione, si può capire come sia importante per la corretta gestione del corpo e della postura.”

Cosa accade se il diaframma perde la sua capacità elastica?

“Non vengono più stimolati correttamente i visceri con tutte le conseguenze a livello digestivo e fisiologico (stipsi o dissenteria). Inoltre si ha aumento della ritenzione idrica, abbassamento delle difese immunitarie, edemi e vene varicose agli arti inferiori, dolori muscolari e problemi posturali. Il diaframma è infatti collegato da un punto di vista neurologico, al rachide cervicale (C3- C4- C5) e agli scaleni (muscoli cervicali), oltre che alla zona lombare. Un non corretto utilizzo del diaframma, può portare quindi a cefalee mio-tensive, tensioni muscolari a livello cervicale, dorsale e lombareLe alterazione posturale possono portare a fattori di rischio per ernia lombare e sovraccarico nella regione lombo sacrale, ecco perché c’è dominanza di ernie L4-L5 e L5-S1.”

Quali possono essere le cause di una perdita di elasticità diaframmatica?

“Varie sono le perturbazioni che possono alterare la mobilità diaframmatica e la postura, quali sedentarietà, stress eccessivo, emotività, cattive posture, iperstimolazione, cibo e farmaci, alterata respirazione.
Quali sono i rimedi utili per riportare il diaframma alla sua corretta funzionalità?

Utili trattamenti manuali a livello diaframmatico per mantenere la sua elasticità e una corretta ginnastica respiratoria e posturale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.