fbpx

Donati: Napoli attenzione al contropiede bianconero

Napoli

Napoli

A “1 Football Club”, è intervenuto Massimo Donati, ex calciatore dell’Atalanta, attuale allenatore del Legnago e cronista Dazn. Di seguito, un estratto del suo intervento.

Prestazioni del Milan con il Torino?
“È un momento in cui le cose non girano al massimo, le abitudini della squadra sono state modificate, considerata anche la sosta. Il Milan, dunque, ha interrotto il percorso vincente imboccato lo scorso anno, recuperare la giusta strada è fondamentale per tornare al top”.
Pioli ha convocato il ritiro: metodo adeguato?
“Non sono mai stato un sostentore di questa soluzione, ma in alcuni momenti della stagione è necessaria una sterzata. Pioli ha dimostrato di essere un abile egestore, questa scelta è frutto della sua bravura. Bisogna reagire e cambiare qualcosa per tentare di arrivare ai livelli precedenti”.
Percorso stagionale di Allegri con la Juve? Quale la chiave tattica della squadra?
“È l’esempio lampante di quanto conti il risultato finale di una partita. La squadra ha trovato solidità difensiva, i calciatori sono a conoscenza del fatto che prima o poi il gol arriva. L’atteggiamento di gioco, tuttavia, è simile a quello dell’inizio, il modo di interpretare il calcio di Allegri è rimasto invariato. In quest’ultimo periodo sta riuscendo tutto all’allenatore italiano”.
Cosa deve temere Spalletti della Juve?
“Non credo che il Napoli si snaturerà, farà la partita e tenterà di agire in modo preventivo. Rischierà di subire i contropiedi della Juve quando perderà il possesso del pallone, ma il Napoli dovra temere solo sè stesso, il percorso imboccato fino a questo momento è straordinario”.
Possibile atteggiamento difensivo della squadra di Allegri?
“Non credo, non avrebbe senso snaturarsi. La Juve continuerà ad esprimere lo stesso gioco. Sarà il Napoli a fare la partita, la squadra bianconera tenterà di trovare la strada del gol con dei contropiedi”.
Giudizio sul momento di Kvara?
“È un giocatore d’attacco, deve essere decisivo; se vengono a mancare gol e dribbling, non riesce ad incidere. Ha creato delle aspettative molto elevate, di conseguenza deve stare tranquillo poiché gode della stima e della fiducia del Napoli. Tornerà molto presto a brillare”.
Quale calciatore della Juve ha sorpreso?
“Rabiot è un calciatore fortissimo, svolge un ruolo prioritario nel centrocampo della Juve. È un giocatore fondamentale per questa squadra, comprendo bene adesso i motivi della volontà della dirigenza di rinnovare il suo contratto”.
Parere su Ndombele e sul possesso riscatto del Napoli?
“Non conosco le dinamiche precise poiché non sono inserito all’interno del contesto. Resta un calciatore importante, ha dimostrato di saper giocare a calcio. Non so se il Napoli riscattarà Tanguy a 30 milioni, ma è un giocatore con caratteristiche tecniche rilevanti”.
Sarà presto vietato ai tifosi del Napoli e della Roma di assistere alle trasferte delle due squadre: decisione giusta?
“Non credo sia giusto, poiché sono penalizzate anche le persone le quali vorrebbero soltanto gustarsi una partita. Il calcio è uno sport che coinvolge tutti, ma arrivare a queste situazione è assurdo. Sarebbe inopportuno, tuttavia, punire determinate persone per errori non commessi è ingiusto, andrebbero segnalati e fermati soltanto alcuni individui”.