fbpx

Editoriale: Il Napoli che verrà

Quante volte ci stiamo chiedendo cosa ne sarà del Napoli che verrà? 

La risposta è articolata, non possiamo sapere cosa accadrà con certezza. Possiamo solo ipotizzare in base a quello che sta accadendo in questi giorni. 

Con il traguardo  finale in lontananza ed una stagione calcistica che ci può portare ancora a fantasticare con la mente non possiamo far altro che guardare comunque oltre il nostro naso. 

Tanti sono gli argomenti di cui dobbiamo parlare, partendo dall’eterna questione stadio, passando per il ritiro, per il mercato per poi arrivare alla nuova stagione calcistica. Il calcio non conosce tregue, è un cerchio continuo. Si può parlare di cerchio della vita (per citare uno dei più celebri film della Disney “Il Re leone”. 

Il tifo

In un miscuglio di argomenti sono rinchiuse  le emozioni dei tifosi, spesso arrabbiati o turbati dall’andamento stagionale del Napoli. Molte volte sono state usate parole molto dure verso di loro che hanno solo la colpa di amare la maglia enormemente. E’ risaputo quando quando si ama troppo si soffre, quando si soffre meglio parlare. 

Da sottolineare che “a mente fredda” il tifoso “medio” pensa che il presidente De Laurentiis è riuscito a creare una “macchina” di nome Napoli che riesce a stare ai vertici del calcio italiano da diversi anni, potendo vantare di aver disputato competizioni europee a buoni livelli, uscendo da esse non per demerito della squadra, ma per merito degli avversari incontrati e della poca esperienza in ambito internazionale.

Quello che manca al Napoli di ADL è la vittoria del campionato, un campionato dominato negli ultimi anni dalla Juventus. Il Napoli per poco, lo scorso anno, non è riuscito a strappare il tricolore dalle mani bianconere. Vero potremmo parlare di Firenze, dell’hotel, ma in quanti arrivano al secondo posto con ben 91 punti? 

Lo stadio 

Altro argomento in grado di infiammare la piazza è lo stadio San Paolo. Alcuni lo definiscono un ammasso di ferraglia che non ha le strutture interne adeguate. Vero, partendo dai bagni, indecenti, arrivando a sedili scomodi, scoloriti e semidistrutti. 

Di contorno ai tanti problemi del San Paolo vi è un braccio di ferro che dura da anni tra ADL e l’amministrazione comunale dove le due parti si scontrano addossando all’altro la colpa dei problemi dello stadio e della mancata risoluzione. 

Molte volte si è detto “spostiamo lo stadio”, “costruiamo la nuova casa del Napoli in un posto diverso”, “perché non in periferia”. Chi ragiona sulla questione sa bene che questo difficilmente accadrà dato che lo stadio è in una posizione strategica e super collegata da mezzi di trasporto, autostrada e tangenziale. Spostarlo sarebbe una grossa perdita. 

Oltre alla questione collegamenti bisogna fare un ragionamento di “cuore”, non si può passare per Fuorigrotta e non pensare al Napoli. Lo stadio San Paolo rievoca emozioni indescrivibili, dalle vittorie scudetto alle feste promozioni. Non vi è Napoli senza San Paolo, non vi è Fuorigrotta senza San Paolo. 

Attualmente sembra che ADL e l’amministrazione comunale abbiano raggiunto una stabilità tale da poter ragionare, serenamente, sullo stadio. Staremo a vedere.

Il mercato

Ad oggi tantissime sono le voci di mercato, come ogni anno. Una cosa che pare certa è che il Napoli a giugno andrà verso una rivoluzione della rosa. In molti saranno i giocatori che potrebbero dire addio alla città azzurra. 

Molte voci girano intorno ai “pezzi forti” del Napoli, Allan per la stampa estera già indossa una maglia diversa da quella azzurra. Altro giocatore da monitorare è Koulibaly, il difensore azzurro è super richiesto. La società sta facendo, e farà, di tutto per trattenerlo. Da non dimenticare Mertens che potrebbe anch’esso lasciare la città all’ombra del Vesuvio. Se due (Allan e Mertens) avrebbero le valigie pronte bisogna pensare anche al mercato in ingresso. 

Ancelotti, di cui apprezzeremo il gioco il prossimo anno, vorrà sicuramente dei giocatori per provare in quello che Sarri non è riuscito lo scorso anno. Sul mercato in ingresso come sempre il segreto la fa da padrona. Molti sono stati i nomi a spuntare fuori, conoscendo ADL difficilmente uno degli acquisti sarà tra quelli nominati in queste settimane dalla stampa. 

Staremo a vedere giugno se pur vicino è lontano. 

TO BE CONTINUED…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.