fbpx

Corbo: “Manolas? grandissimo colpo della società”

Luciano Spalletti

Antonio Corbo, noto giornalista, è intervenuto a Marte Sport live, per esprimere la propria opinione in merito all’acquisto del greco Manolas; del noto procuratore Mino Raiola. Infine esprime un pensiero sull’addio del dottor Alfonso de Nicola.

 

Antonio Corbo, giornalista di Repubblica, ha parlato ai microfoni di  Marte Sport Live’ trasmissione in onda sulle frequenze di Radio Marte, per rilasciare alcune sue  dichiarazioni in merito all’ acquisto (annunciato ieri con un tweet in tarda serata dalla AS ROMA) da parte della SCC Napoli del difensore greco Kostas Manolas nonché dell’addio ormai ufficializzato del Dottor Alfonso De Nicola.

Cosa ne pensa dell’acquisto di Manolas?

Manolas è un buon colpo, ma i giudizi di oggi possono essere diversi nel corso del campionato, migliorare o peggiorare. Per prendere Manolas, un giocatore con clausola bisognava proprio andare a Montecarlo da Raiola? Apprezzo la pazienza di De Laurentiis, che pur di accontentare Ancelotti non ha pensato ai soldi spesi tra alberghi, ristoranti e la parcella di Raiola.

Sul noto procuratore Mino Raiola:

Raiola ormai è entrato nel Napoli e anche Insigne conta su di lui per migliorare la propria posizione. Tra l’altro, io sono contro le commissioni. Koulibaly e Manolas sono entrambi difensori da anticipo, Albiol invece era la mente: sarà importante la scelta del mediano centrale, così da proteggere la difesa e coordinare il rapporto tra fase attiva e passiva”.

Sull’addio di de Nicola, il noto giornalista così si esprime:

La fine del ciclo di De Nicola a Napoli? Onore al medico! Si è distinto come il miglior medico sociale della Serie A, De Laurentiis ne conosce i meriti, ma non è riuscito a minimizzare le tensioni interne relative ad infortuni e condizioni fisiche. C’era qualche tensione anche col preparatore dei portieri: il presidente ha lasciato via libera a De Nicola, ai suoi progetti di scienziato, dando maggiori responsabilità ad Ancelotti e figlio. Le richieste di Ancelotti? Giusto avere pretese, era facile per Mazzarri e Sarri fuggire dalle proprie responsabilità”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.