Il Napoli di Ancelotti con grinta e dedizione: si accende il tifo

Il Napoli di Ancelotti

Il Napoli di Ancelotti scende in campo nel pomeriggio: il tifo si accende

Il Napoli di Ancelotti tiene da programma un doppio allenamento. Lo stadio di Carciato si riempie con un’ora di anticipo rispetto all’inizio della sessione pomeridiana. Tanti i supporter presenti da ogni parte della penisola e non solo.

A riscaldare l’atmosfera ci pensano alcuni membri del club organizzati. I tifosi più in forma appartengono al Club Milano Azzurra 1984. Spingono la folla intonando alcuni tra i cori più conosciuti ed apprezzati, sfoggiando un vasto repertorio.

Si parte con “Sarò con te, e tu non devi mollare!” fino ad arrivare al “Surdato ‘nnammurato”. Non manca all’appello “chi non salta è Juventino”. Si è già entrati in clima di sfida.

All’arrivo del DS Giuntoli un tifoso spregiudicato ha infine intonato: “Oh Cristiano, portaci Lozano!”.

Sviluppi di mercato e nuovi arrivi

Il mercato del Napoli è aperto e si muove costantemente. Lo testimonia anche il lungo colloquio tenuto in panchina da mister Carlo Ancelotti ed il direttore Giuntoli. Interagisce anche il vicepresidente Edo De Laurentiis, che assiste all’allenamento da bordo campo.

Si aspettano le ufficialità. Per ora i nuovi arrivi programmati riguardano solo i big che rientreranno a partire da venerdì prossimo.

Parola al campo

Quasi al completo la compagine che ha iniziato il raduno di Dimaro. All’appello manca Tonelli (non si è allenato questo pomeriggio), mentre Inglese continua il lavoro differenziato e fa progressi (da oggi ha iniziato ad esercitarsi anche con la palla). Completamente reintegrato Gaetano.

Dopo il consueto riscaldamento a bordo campo e poi con il torello si passa subito a lavorare con la palla.

Il primo esercizio è l’evoluzione e la fusione di due situazioni provate ieri. Impostazione dell’azione a partire dai difensori centrali con uscita dal pressing; si avanza allargando il gioco sulle fasce fino a proporre il cross al centro per la conclusione degli attaccanti.

Il secondo esercizio consiste nel possesso palla con uscita dal pressing avversario. Questo lavoro viene proposto da più giorni, ma si apprezza l’aumento dell’intensità e della rapidità di esecuzione.

La partitella 

La sessione prosegue con una partitella. Vengono creati tre team (gialli, verdi e bianchi) che si sfidano in un triangolare. La squadra che non gioca resta in attesa praticando la cyclette.

Si conclude con i tiri in porta con la  palla in movimento, raccolta dopo un allungo sulla linea laterale di campo ed un incrocio verso il centro

Grinta e dedizione

C’è voglia di fare bene nella stagione che verrà. La dimostrazione in questi primi giorni di ritiro avviene dai calciatori più rappresentativi del Napoli.

Su tutti Ghoulam e Callejon incarnano rispettivamente grinta e dedizione. Il terzino corre, crossa, calcia. Urlando incita i compagni e colpisce con veemenza il palo quando si divora un goal in partitella, spostando la porta mobile di un metro dalla linea. Lo spagnolo lavora tanto ed in silenzio, concentrando tutte le sue energie.

Sono queste caratteristiche di cui il Napoli ha bisogno e che i tifosi stanno apprezzando in questa squadra, seppure piena di giovanissimi e non ancora al completo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi collaborare con CANAPOLI.NET ? CLICCA QUI