fbpx

Fantacalcio Top & Flop della quarta giornata: Caputo e Llorente sul podio

top flop

I Top & Flop della quarta giornata si aprono con qualche doppietta finalmente: Caputo e Llorente. Ma fra i difensori e i centrocampisti e gli altri attaccanti chi sale e chi scende? Ecco il borsino della quarta di A

I Top & Flop della giornata appena conclusa e a ridosso di quella che verrà vedono ancora una volta l’assenza di Piatek nel tabellino marcatori. Pochi i goal da centrocampo in questo weekend, dove le goleade di inizio stagione sono rallentate. Certo è ancora un campionato avulso dagli 0-0 invernali e autunnali. Questo perché le squadre possono osare e se perdono tre punti, nulla cambia. Un bene per il fanta-allenatore che può usufruire dei bonus in più. A proposito di +3 e +1, poco dalla difesa in questa giornata. Solo chi aveva il modificatore, avrà fatto i salti di gioia per alcune prestazioni.

Nei colpi di scena, c’è poco da segnalare. Il solo Gabbiadini, bomber a sorpresa, in Samp-Torino 1-0. Per lui un importante ritorno al goal e un 7 che insomma potrebbe anche aver regalato la vittoria a chi crede nel suo talento.

Ma nonostante non siano piovuti dal cielo goal e assist, andiamo a vedere chi entra nei Top di giornata e dall’altro lato chi si accasa ai Flop di giornata.

Top della difesa

Entrano in questa parte, per certo, i due soli marcatori di giornata: Kolarov e Castagne. Se l’uno ormai è un attaccante fisso, una certezza per i fanta allenatori, l’altro è ben più raro che compaia. Il terzino giallorosso regala la solita perla su punizione e aggiungi un 6,5 di media che lo fa diventare un attaccante aggiunto, quasi un terzino brasiliano.

Il belga, invece, colonna fissa della Nazionale e della stessa Atalanta ha premiato sia chi crede in lui sia chi non teme il tremendo turnover di Gasp. Un perfetto sinistro scagliato al volo dal limite, un pareggio in extremis e soprattutto un 7+3 10 che avrà consentito una o più vittorie ai disperati delle 18 della domenica.

Niente più +3 e +1 delle altre partite. Certo c’è da segnalare in fatto di media voti, sicuramente alcuni nomi. Fra cui Colley della Sampdoria che porta a casa un 7 non previsto e fa gioire chi ha tentato il colpo basso con lui; e il 7 di Godin, che gioca un derby perfetto e conferma che fra torri/assist e prestazioni lui non è affatto una scommessa.

Flop della difesa

Purtroppo entra nei Flop della giornata Palomino dell’Atalanta. Per la regola, maledettamente indecifrabile, della traiettoria della palla, l’argentino si ritrova con un 3 pesante, dopo una prestazione non eccezionale, ma nemmeno rovinosa. Eh, capita, a volte i fanta-allentori devono subirsi anche questo.

Rovinoso anche un altro bomber -bonus della difesa, Zapata C., che insacca nella propria rete e e per una volt ogni tanto inverte il suo trend fantacalcistico. Non si può rimproverargli nulla, a volte capita Certo che maggior accortezza avrebbe detto di non giocarsi in Cagliari-Genoa il centrale colombiano.

Conti, infine, paga il disastro del derby rossonero. Impalpabile, inesistente e sempre in difficoltà rispetto al proprio dirimpettaio. Il terzino del Milan, che il 90% di voi, avrà inserito per coprire Calabria si rivela una brutta sorpresa. Un 4,5 senza ammonizione né altro, insomma, una botta pesante, che avrà portato a sconfitte impensabili.

Top del centrocampo

Entrano nei Top del centrocampo alcune certezze consolidate alla quarta. Ma, di contro, anche quei +3 inaspettati e perciò ancora più da godere.

Fra le prime citiamo, per certo, Luis Alberto della Lazio. Si vede che l’anno sabbatico gli ha fatto bene. E’ tornato quello che ci aspettavamo: o un +3 o un +1 o un 7 come prestazione. Da meteora di fantacalcio a certezza. A differenza di Savic, che continua ad accompagnarsi ai 6 di media, ma non è più l’attaccante aggiunto.

Nelle certezze inseriamo anche Sensi, che, se non segna, fa assist. Giocatore sempre più forgiato da Conte e uomo inaspettatamente capace di modificare l’inerzia di una partita di fantacalcio.

E con lui il compagno Brozovic al suo secondo goal. Sembra che Conte abbia limato quelle sciocchezze da media 5 o 4 che a volte regalava il croato e abbia donato ai fanta-allenatori un gioiellino da 10 punti.

E chiudiamo la mini rassegna con Ruiz del Napoli e Pellegrini della Roma. Lo spagnolo regala un 9,5 prezioso con un sinistro splendido dei suoi e inizia a far ricredere chi aveva investito tanto su di lui e stava disperando. Mentre l’italiano è davvero la mossa di fantacalcio più azzeccata. Fra assist, goal possibili e sequenze di assist, praticamente è un attaccante aggiunto.

Nelle certezze inseriamo poi anche Chiesa e Gomez. Se il primo avrà strozzato l’entusiasmo in gola per un goal che stava cambiano gli equilibri (ma comunque porta a casa un 8,5), il secondo ormai è una colonna portante dei fanta-allenatori, anche da subentrante. 7,5 che conferma: corro il rischio di giocare in 10, ma lo metto.

Fra le sorprese, per certo, i due di Juve-Verona: Veloso e Ramsey , la prima di Ribery e  il marcatore di Udine. Miguel Veloso è alla sua seconda rete stagionale. Giocatore, mai ben sfruttato a Genova, il portoghese ha un piede prezioso che garantisce con le sue traiettorie sui calci da fermo possibili bonus a manetta. Certo, se poi, si inventa quello ch s’è inventato all’Allianz Stadium, allora diventa un investimento low-cost di rendita alta.

Ramsey, che magari, molti attendevano dall’inizio è arrivato. Bel tiro dal limite, prestazione abbastanza buona e un 9,5 che soli i pi arguti avranno colto. Ora dipende se avrà sempre la condizione ottimale. Per chi avrà messo i suoi 20 o 30 fantamln, ecco che le speranze ci sono.

Altro atteso su cui molti avranno messo fortune, è arrivato: Ribery Franck. Il francese si prende l’affetto dei fanta-allenatori con un 10 punti che valgono tanto. E poi con un modulo da 3-5-2 ormai in fase di definizione, praticamente c’è un attaccante a centrocampo, che forse non vi aspettavate affatto. Bravo, un applauso, a chi ci ha creduto.

Romulo, invece, entra fra quelli che “solo io ci credo e ho fatto bene”. Il bresciano, non è nuovo a portare bonus al fanta, ma in una squadra come quella bresciana, qualche rischio c’era. Ora, per chi ha messo 1 fantamln, ecco che ci si ritrova in casa una perla preziosa.

Flop del centrocampo

Saponara, ragazzo sfortunato, per un calvario di infortuni, non sarà stato acquistato da molti. Ma per chi ancora crede in lui o ci ha messo qualche cent., la delusione è tanta. Paga la sconfitta del Genoa, ma anche una prestazione incolore: 4,5 netto, senza malus. Chissà quanti pareggi o vittorie mancate !

Tachtsidis non è certo un giocatore su cui fare affidamento. Solo i più coraggiosi avranno pensato a un suo bonus contro il Napoli. Ma, invece, si ritrovano un pesante malus: 4 o 4,5 senza attenuanti e con un rigore d’ingenuità madornale. Forse sarà meglio ricredervi.

Top dell’attacco

E’ il momento dei top attaccanti. E vi entrano di diritto Caputo e Llorente con due doppiette, che sanno di mezza vittoria per molti fanta allenatori. Due 13,5 che hanno cambiato il mezzogiorno e il pomeriggio di molti di voi. D’altronde le premesse c’erano tutte. Più per lo spagnolo che per mister Ciccio. E due doppiette così sono oro colato per chi le aveva intuite. Complimenti davvero !

Esplode improvvisamente, dal nulla, Manolo Gabbiadini, che tira fuori una gran partita (7) e aggiunge un goal importante. Non sappiamo quanti di voi l’hanno azzeccato, ma per chi ha portato a casa questo goal, bisogna riconoscergli il merito di aver puntato sull’uomo giusto. Più probabile che ci sia riuscito chi giocava in mantra che chi giocava in modalità classica.

Gli altri che hanno portato un 9,5 o 10 sono i soliti nomi di bomber di stagione. Immobile che avrà regalato vittorie domenica sera con la sua solita implacabile foga (speriamo solo che la litigata con Inzaghi non cambi le gerarchie!); Lukaku che timbra il derby e porta a 3 il bottino personale; Simeone che conferma, per chi crede in lui, che le speranze ci sono tutte, Dzeko che in una Roma così offensiva può davvero diventare il +3 di continuità; e CR7 che dal dischetto resta una certezza.

Infine Ilicic, che, nonostante balli fra panchina e titolarità, resta sempre un investimento azzeccato, anche per chi, vedendolo A, quest’anno magari si era colto qualche rischio!

Flop dell’attacco

Vi entrano di diritto due nomi certi: Piatek e Belotti. Ma se al granata una giornata no può capitare (media 5), il discorso inizia a preoccupare i fanta allenatori del polacco. Perché, sicuro, qualcuno si è giocato più di 100 fantamilioni e adesso rischia di trovarsi in casa una patata bollente. Giampaolo non lo aiuta, il Milan nemmeno e intanto sabato sera l’unica palla buona, l’ha spedita al cielo. Non resta che fare i cocciuti e insistere.

Di Carmine del Verona è la delusione di quei pochi pazzi che l’hanno schierato e di quei poveri disgraziati che sono stati costretti a schierarlo. Sbaglia un rigore, unica chance della partita e vi spara dritto dritto un -3 che sicuro non vi allietato la giornata di fantacalcio.

E chiudiamo con i 4,5 che non ci vogliono, ma arrivano. Più un 5 che un 4,5 (tranne per chi usa il statistico) quello di Zaza, che a parte un’occasione, è scomparso dai radar di Genova. E Favilli, invece, è l’azzardo mal pagato, da quei pochi che invece ci vedevano un bonus speranzoso. Sarà meglio che aspettiate ancora un po’ prima di giocarvi alcune carte.

Chiuso questo capitolo dei Top&Flop di giornata, vi ricordiamo, che domani si va già in campo e tempo per gioire o disperdersi ce n’è ancora tanto: buon fantacalcio a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =