fbpx

Youth League: il riassunto di Genk-Napoli

Youth League

Youth League: seconda giornata della Champions dei giovani

Il Napoli gioca in trasferta contro il Genk la seconda giornata di Youth League. La partita va in scena alle ore 13.00 sul campo B della Luminus Arena.

Girone equilibrato che dopo la prima giornata vede quattro squadre con 1 punto. Gli azzurrini guidati da Baronio vengono dal pareggio interno contro il Liverpool. Nel pomeriggio i Reds affronteranno in casa il Salisburgo.

La formazione di Baronio per la Youth League

Mister Baronio schiera i suoi ragazzi con un 3-4-3.

Idasiak; Costanzo, Senese, D’Onofrio; Vrikis, Mamas, Marrazzo, Potenza; Vrakas, Sgarbi, Gaetano.

A disposizione: Daniele, Manzi, Vianni, Cioffi, Zanon, Esposito, Virgilio.

Primo tempo

Nei primi dieci minuti del match gli azzurrini tengono il pallino del gioco, facendo possesso palla. La palla passa quasi sempre dai piedi di Mamas, che fa da filtro ed impostazione dell’azione offensiva. Il Napoli tenta le avanzate prevalentemente sull’out di sinistra, dove gioca il capitano Gianluca Gaetano.

E’ però il Genk ad essere più pericoloso. Proprio la fascia di sinistra azzurra diventa il lato debole. Il Napoli viene penetrato più volte dal numero 7 Takidine, che dopo alcune palle messe al centro va alla conclusione bassa smorzata da Idasiak con la mano sinistra al minuto 17.

Reagisce il Napoli sull’asse Sgarbi-Gaetano. Al 18′ la torre d’attacco del Napoli recupera un buon pallone a centrocampo e lancia il numero 10 che, dopo essere entrato in area grazie anche ad un tunnel sull’avversario, viene chiuso dal raddoppio di marcatura belga.

Lo stesso Gaetano va alla conclusione dal limite dell’area su schema da calcio d’angolo, con la palla che si impenna (minuto 21).

Al 25′ Genk nuovamente pericoloso con il solito Takidine che calcia di potenza, con Idasiak che si distende in tuffo e spedisce la sfera in angolo.

Ci riprova la squadra di casa al 29′, questa volta con Németh sulla destra che si accentra e scaglia un tiro potente, deviato in angolo dalla difesa.

Sul ribaltamento di fronte trova la conclusione da fuori area l’azzurro Marrazzo, che arriva sulla palla con il corpo all’indietro e spedisce la palla alta.

Gaetano sale in cattedra al minuto 38. Spazia tra sinistra e centro del campo. Calcia alto di poco dopo aver ricevuto la palla da una sponda di Sgarbi.

Dopo un minuto lo stesso Gianluca Gaetano cade giù in area di rigore ed invoca il penalty: tutto regolare per l’arbitro.

44′: Gaetano batte una punizione dai 30 metri sull’out di destra: palla morbida, bloccata dal portiere avversario.

Sul finale ci prova per il Genk dalla distanza Oyen, con il pallone che va alto.

Termina il primo tempo sul risultato di 0-0: partita equilibrata con Idasiak migliore in campo.

Secondo tempo

Parte subito forte il Genk con Oyen e Takidine. E’ su un passaggio dalla destra dello stesso Takidine che il numero 10 batte a porta sicura, con Idasiak che si distende a terra in spaccata ed evita il goal.

Svolta al minuto 50: Senese atterra Oyen in area di rigore! L’arbitro non ha dubbi e concede il penalty. Dal dischetto va Vandermeulen che spiazza Idasiak: 1-0 per il Genk.

Il Napoli accusa il colpo ed il Genk raddoppia al 55′ con un tiro in diagonale perfetto di Cuypers: 2-0.

Riapre la partita Gaetano! Imbucata perfetta di Vrakkas che lancia il capitano a tu per tu con il portiere Vandevoort: tocco sotto e palla in rete per il 2-1. Al 62′ il Napoli accorcia le distanze.

Al minuto 63 Baronio sostituisce Sgarbi con Vianni.

E’ sempre la squadra di casa a fare la partita. E’ un vero e proprio assedio verso la porta azzurra, con la difesa di Baronio troppo penetrabile.

Al 67′ Oyen raccoglie in area un cross dalla sinistra e calcia di piatto, con Idasiak ancora a negargli il goal.

Minuto 69: Ci prova Németh con dribbling e sinistro in area, con ancora Idasiak a dire di no.

Al 70′ trova il tiro il numero 9 del Genk ed il portiere azzurro para in spaccata.

Baronio manda in campo Cioffi e zanon, rilevando Vrikis e Vrakas al 75′. Al minuto 80′ entra Esposito per Potenza.

81′: pericoloso il Napoli con Cioffi, che calcia dopo il passaggio di Gaetano. Palla deviata in angolo.

Al 91′ il Genk chiude la partita: Németh ruba palla  a D’Onofrio a centrocampo e scatta in area di rigore. Calcia sul palo lontano, dove il portiere del Napoli non può arrivare. 3-1.

Termina la partita 3-1. Dopo un primo tempo equilibrato la squadra di casa domina la seconda frazione di gara. Difesa azzurra troppo penetrabile che concede molto agli avversari. Uno strepitoso Idasiak evita la goleada. Gianluca Gaetano dimostra di essere di una categoria superiore: dà qualità ma è sempre troppo solo davanti. Trova un bel goal. Il Napoli Primavera rimane in classifica con 1 punto sul tabellino.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.