fbpx

SCONFITTA NAPOLI – I giocatori chiedono il ritiro

Koulibaly Ghoulam

Rimbalza ovunque la notizia: i giocatori del Napoli hanno chiesto di andare in ritiro dopo la sconfitta contro la Fiorentina.

NAPOLI – Da ieri sera i giocatori del Napoli sono tornati al Centro Sportivo di Castel Volturno invece che a casa propria Hanno chiesto di andare in ritiro, si sono resi conto che il problema è serio. La classifica impietosa ci parla di retrocessione, altro che Europa.

Le parole del tecnico azzurro, Gennaro Gattuso subito dopo la gara. “E’ stata una prestazione imbarazzantebisogna chiedere scusa. Siamo stati inguardabili. Il primo responsabile sono io: sembrava che ci fossimo incontrati stamattina per la prima volta e questo non va bene. Non ci è riuscito nulla di quello che abbiamo provato in allenamento in settimanaAbbiamo toccato il fondo, anzi siamo sprofondati. Stiamo giocando con il fuoco. Il San Paolo ostile? Siamo dei privilegiati, nessun alibi”.

“Ho visto una squadra senz’anima. Abbiamo sbagliato tutto e giocato in modo elementare. Vorrei vedere del veleno in corpo, gli occhi della tigre e invece siamo stati piatti e abbiamo fatto il solletico alla Fiorentina. Non abbiamo capito a cosa siamo andando incontro. Penso di avere in mano una squadra forte, ma non basta. C’è preoccupazione non a livello tecnico, ma sul come fare uscire il veleno che hanno, come farli esprimere bene come in altri anni. Molti non sono abituati a giocare in classifica così, dobbiamo fare un altro tipo di calcio, con il coltello tra i denti. Ci manca tutto questo”.

Hanno scelto da soli i giocatori di andare in ritiro, lo hanno chiesto subito dopo il fischio finale

Una decisione loro, inevitabile. E’ necessario parlarsi, cercare soluzioni insieme e dirsi le cose in faccia. Anche io ho giocato con gente che mi stava antipatica, ma in campo davo tutto anche per chi mi stava meno simpatico. Inutile parlare delle multe, di chi resta e chi non resta: ora serve analizzare cosa non funziona e cambiare. Sono deluso e devo riflettere: non credo di poter entrare nella testa dei miei giocatori con il carattere che avevo io”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *