fbpx

La Marca: il Napoli potrebbe con una vittoria eliminare dalla corsa scudetto la Juventus

pagelle Napoli Juventus
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Domenico La Marca, avvocato ed esperto in diritto sportivo
Sull’ipotesi porte chiuse – “Gli scontri avvenuti tra i “presunti” tifosi di Napoli e Roma sono l’ennesima dimostrazione che bisogna intervenire in maniera dura nei confronti di questi soggetti che usano solo come pretesto le manifestazioni sportive per compiere gesti criminali che non hanno nulla a che vedere con il mondo del calcio e che danneggiano l’immagine del nostro Paese e del nostro movimento.  Questi sono soggetti che in nessun modo possono essere definiti tifosi e meritano di essere allontanati dagli stadi e da qualsiasi manifestazione sportiva, a vita. Mi auguro che la giustizia ordinaria ed amministrativa (per quanto riguarda i Daspo) siano perentorie e nette nel loro operato. Per quanto riguarda la questione porte chiuse per il Maradona mi sembra improbabile visto che l’art.6 del Codice di Giustizia Sportiva della Figc in merito alla responsabilità delle società è chiaro nell’indicare che il club risponde della violazione delle norme in materia di ordine e sicurezza per fatti accaduti prima, durante e dopo lo svolgimento della gara, sia all’interno del proprio impianto sportivo e sia nelle aree esterne immediatamente adiacenti e che nello specifico caso l’art.26 in materia di fatti violenti dei sostenitori come le società rispondono per i fatti violenti commessi in occasione della gara da uno o più dei propri sostenitori, sia all’interno dell’impianto sportivo, sia nelle aree esterne immediatamente adiacenti. La vicenda in questione è avvenuta ben lontano dal Maradona e dall’Olimpico, i soggetti in questione si sono scontrati sull’autostrada all’altezza di Arezzo e di certo non si può parlare di aree esterne immediatamente adiacenti agli stadi.”
Napoli-Juventus – “È una grossa occasione per entrambe, il Napoli potrebbe con una vittoria eliminare dalla corsa scudetto la Juventus, mentre i bianconeri a loro volta in caso di successo incredibilmente, rispetto a quanto visto ad inizio stagione, non solo riaprirebbero davvero il campionato ma dal punto di vista psicologico si ritroverebbero in situazione di vantaggio anche nei confronti della stessa compagine partenopea. Mi aspetto una partita simile a quella vista al Meazza tra Napoli ed Inter, con gli azzurri che cercheranno di fare la partita sfruttando la loro capacità di palleggio mentre i bianconeri imposteranno l’incontro puntando sulla loro solidità difensiva, sfruttando quegli episodi che si presenteranno nei novanta minuti. Sarà una prova del nove per entrambe le compagini per comprendere effettivamente la consistenza e le ambizioni di tutte e due i club, in casa Napoli per valutare se la sosta in qualche modo abbia inciso negativamente sul percorso realizzato sino a novembre, mentre in ottica Juventus per comprendere se queste vittorie ottenute a “corto muso” e senza brillare dal punto di vista del gioco possono essere replicate anche con avversari di primissima fascia e soprattutto lontano dallo Stadium.”
Salernitana – “Sicuramente ci si aspettava qualcosa in più dal mercato anche se siamo solo ai primi giorni di gennaio, Ochoa è stata un’intuizione brillantissima ma il fatto che nelle due sfide che ha giocato è stato il migliore in campo deve fare molto riflettere. In due partite casalinghe complicate è arrivato solo un punto e forse proprio il percorso fatto all’Arechi da questa squadra desta qualche preoccupazione, è vero che la distanza dalla zona retrocessione è rassicurante ma proprio l’anno scorso la Salernitana ha dimostrato come anche la più incredibile rimonta è possibile. Mi auguro che questa rosa che presenta delle ottime individualità venga puntellata con innesti di esperienza o comunque con elementi più giovani che a Salerno possono trovare quello spazio che nei club di primissima fascia non gli viene concesso. Inoltre credo che bisogna chiarire definitivamente la posizione di Nicola, che non può essere messo in discussione dopo ogni partita, inoltre non mi sembra che sul mercato dei tecnici svincolati ci siano tante valide alternative e lo stesso discorso vale per alcuni calciatori, che reputo importanti per questa Salernitana come Bonazzoli o Vilhena, che fino a pochi giorni fa sembravano dei probabili partenti.
La Juventus di Allegri – “A prescindere dall’esito della sfida con il Napoli credo che Allegri stia facendo un lavoro egregio a Torino, ovviamente tenendo conto di tutto ciò che sta accadendo in casa Juventus. In tanti volevano l’esonero del tecnico dopo le sconfitte con il Maccabi e con il Benfica, Allegri è stato bravo ad isolare la squadra e a trovare i correttivi tattici giusti, ottenendo la bellezza di 8 vittorie consecutive che hanno portato i bianconeri a giocarsi le chances di riaprire incredibilmente uno scudetto che sembrava almeno per la Juventus un discorso chiuso. È vero, questa squadra non gioca un grande calcio ma, ad eccezione fatta del Napoli prima della sosta, non mi sembra che in Italia ci siano delle squadre capaci di ottenere risultati e di offrire prestazioni convincenti, è terribilmente efficace e soprattutto ha dimostrato una solidità difensiva grazie al ritorno alla difesa a tre e proprio questa peculiarità potrebbe fare la differenza in questa seconda parte di campionato.”
Il momento del Napoli – “Non è certamente la squadra brillante di inizio stagione anche se qualche sprazzo del “vecchio” Napoli si è intravisto soprattutto nel primo tempo di Marassi dopo la rete di Osimhen. È evidente che il gioco di Spalletti abbia bisogno di maggiore tempo visto che si basa su meccanismi ben definiti ed in qualche modo ne ha risentito di questa lunga sosta, inoltre proprio in virtù della posizione di vantaggio conquistata meritatamente nella prima parte di campionato credo che i partenopei abbiano fatto una preparazione improntata per arrivare al massimo della forma nel momento clou della stagione e pertanto è plausibile che in questo momento la compagine azzurra sia più imballata rispetto ad altre squadre che hanno fatto una preparazione a breve termine rischiando però di ritrovarsi senza energie nel finale di stagione. Kvaratskhelia ha bisogno solamente di un episodio, di un gol o di una giocata decisiva per sbloccarsi e non credo che ci vorrà molto tempo per rivedere il giocatore che abbiamo ammirato nella prima parte di campionato.”