fbpx

Genoa Napoli: Conferenza stampa di Rudi Garcia

Genoa Napoli

Genoa Napoli: Conferenza stampa di Rudi Garcia

Alla vigilia di Genoa Napoli la consueta conferenza stampa del tecnico napoletano presso la sala conferenze del Konami Training Center di Castel Volturno.

“7 partite in 23 giorni, è come una maratona e dobbiamo iniziare bene e avere tutto il gruppo a disposizione.

Ho ritrovato ieri tutto il gruppo, ma molti erano stanchi per poter fare tutto il lavoro normale, viaggiando di notte.

Alcuni non hanno recuperato al 100% ma sono contento di non avere infortunati.

Politano dovrebbe essere con noi, anche se non ha i 90 minuti per non rischiarlo, ma dovrebbe esserci dall’inizio o in corsa”.

“Darò spazio a chi lo merita, a chi è pronto, ma la squadra che inizierà non sarà la stessa che ha iniziato con la Lazio”.

“Raspadori può giocare in tutti i ruoli d’attacco”

“Di Raspadori Ho sempre detto che può giocare in tutti i ruoli in attacco, compreso il 9, ma può giocare anche mezzala per le sue qualità, per lui sarebbe meglio non essere solo una punta perché c’è Osimhen ed è difficile avere minuti. Lui è bravo dappertutto, lo useremo dove serve e dove c’è spazio.

Ha giocato tanto, le prime due da titolare e entrato per primo nella terza, è importante per noi”.

Genoa Napoli

“Dobbiamo migliorare la gestione della gara”

“Abbiamo vinto le prime due, non abbiamo sbagliato la terza, abbiamo fatto un ottimo primo tempo, ma dobbiamo migliorare la gestione e quando puoi fare gol devi farli, con efficacia, pure ad inizio ripresa col tiro di Zielinski.

Almeno ha preso la porta, il problema delle ultime due è aver preso poco la porta.

Dobbiamo gestire tutta la gara con qualità, ma quando non è così quando siamo al meglio devi segnare e metterti al riparo se la squadra avversaria fa due tiri e subito due gol”.

“Abbiamo tanto altro da fare e migliorarci soprattutto.

Avere il possesso e palleggiare è una delle qualità, ma dobbiamo sfruttarlo al meglio e finalizzare.

Bisogna prendere la porta, non basta tirare. Ogni 3 giorni ovviamente c’è meno tempo per lavorare con la squadra, ma si può sempre migliorare”.

“Natan è pronto dopo il piccolo fastidio al ginocchio”

“Con Natan abbiamo fatto un lavoro preciso per lui, personalizzato, il tempo che non abbiamo avuto con lui nei ritiri perché è arrivato 7-8 giorni prima di Frosinone e allora l’abbiamo messo a fuoco lavorando.

E’ arrivato anche con un piccolo fastidio al ginocchio, ma sta sparendo, comunque i 180 minuti di Ostigard sono stati molto importanti.

Genoa Napoli

Inoltre Cajuste, Kvara, Elmas, hanno giocato molto e sono pronti”.  

“Il Genoa è un’ottima squadra, neo-promossa ok ma una grande società.

Oltre ad averla studiata, non è solo solida avendo vinto 1-0 contro la Lazio, ritrovo anche Strootman ed è una squadra che non ti concede molto.

Hanno perso male con la Fiorentina, ma hanno cambiato modulo di gioco e hanno fatto una vittoria ed una sconfitta all’ultimo col Torino ma si sono ripresi ed è una squadra sicuramente da affrontare seriamente, rispettandola, nel suo stadio lì è sempre difficile vincere.

La parola d’ordine è pensare al campionato, non c’è niente dopo, come se fosse l’ultima del campionato. La squadra non deve avere nient’altro in testa”.

“Dobbiamo essere più efficaci davanti, sarebbe importante fare clean sheet come col Sassuolo, la fiducia deve esserci perché la squadra ha un gioco pulito che deve portarti a segnare un gol in più ma è più importante la questione fisica e far recuperare tutti quelli che sono partiti”.

“Kvaratskelia tornerà a far gol”

“Kvara è tornato ieri, ha giocato 180′, hanno avuto difficoltà nella prima partita, un po’ meglio nella seconda, ma non sono preoccupato per lui.

Gli è mancato nel primo tempo con la Lazio per un po’ di fortuna, ci sono stati tiri deviati o contrastati, tornerà a fare gol o assist appena starà bene.

Non aveva i 90′ con la Lazio, ma due gare con la Georgia è una buona notizia per noi”.

“Lobotka l’abbiamo ritrovato fisicamente con la Lazio, è stato il migliorare, facendo giocare anche gli altri, al di là dei contropiedi della Lazio tra il 60 e 75′ ma lo

vedo bene, è un giocatore importante per noi, toccherà palloni come nel passato sapendo che affrontiamo chi ci guarda, domani a Genova troveremo un

centrocampo che farà marcatura individuale anche sugli altri centrocampisti.

Non è importante se tocca o meno 100 palloni, ma che gli altri facciano anche bene, poi se si smarca bene e fa giocare gli altri va bene, ma ho già detto che avere un solo piano è pericoloso.

Se hai un solo bomber da 40 gol e altri 0 o uno solo che fa uscire palla da dietro, quando non c’è o è infortunato? Servono anche gli altri”.

“Osimhen e Simeone li abbiamo visti quando provavamo a ribaltare il risultato, col Cholito abbiamo avuto anche due situazioni nel recupero, i ragazzi sanno che dobbiamo essere sicuri di fare gol a qualsiasi secondo della gara.

Cholito ci dà questa possibilità, ma anche Raspa…” (fonte: SportMediaset)