fbpx

Meret visto da Pierpaolo Marino: “Il Napoli merita di meglio”

Meret

Meret visto da Pierpaolo Marino: “Il Napoli merita di meglio”

Dura accusa da parte dell’ex direttore generale della squadra partenopea che, sulle colonne del Corriere del Mezzogiorno, critica aspramente Alex Meret: “Una squadra come il Napoli potrebbe avere un portiere migliore”.

Alla vigilia di Juventus Napoli, 15esima di campionato, che rappresenta una delle trasferte più importanti per la squadra di Mazzarri, per vari motivi, continua la diatriba circa le prestazioni stagionali del giovane portiere napoletano, Alex Meret, additato da più parti come una delle spine nel fianco del Napoli.

Le palesi difficoltà di Meret

Il suo modo di stare in porta e le sue palesi difficoltà a difendere la rete, hanno posto al centro dell’attenzione le capacità prestazionali del friulano che ad oggi, è imputato numero uno delle sconfitte patite dalla squadra azzurra.

Contro di lui anche le dichiarazioni, rilasciate al Corriere del Mezzogiorno, da Pierpaolo Marino, ex direttore generale di Napoli e Udinese: “Anche se i due mancini dovrebbero rientrare tra uno o

due mesi va ingaggiato un nuovo giocatore. Quello è un ruolo logorante ed il Napoli deve affrontare il campionato e la Champions dove – se dovesse andare avanti come pare – occorrono

nuove energie. Magari un giovane di prospettiva potrebbe tornare utile. Parisi, irpino e mio conterraneo, è un gran bel giocatore ma non credo che la Fiorentina lo darà soprattutto a gennaio.

Il mio Napoli giocava col 3-5-2 che per giunta è uno schema che Mazzarri pratica. Va dragato il mercato senz’altro. Non si può non avere uno specialista”.

Il pensiero di Marino su Meret

“Beh spesso le critiche sono esagerate, come nel suo caso, però una squadra come il Napoli potrebbe avere un portiere migliore tra i pali”.

Intanto la squadra prepara a Castelvolturno la partita contro la Juventus con un occhio rivolto al Braga, prossima avversaria in Champions League, attesa il 12 dicembre al Maradona.

Una vittoria, un pari o una sconfitta per 1 a 0 determina il prosieguo del cammino in Europa da parte dei napoletani, i cui obiettivi restano immutati: campionato e Champions.