fbpx

Napoli-Bologna: il Napoli in silenzio stampa

IL Napoli di Francesco Calzona

Napoli-Bologna: il Napoli in silenzio stampa

Nessuno si aspettava un finale di campionato così umiliante, con una squadra che non è mai riuscita a mettere in discussione il risultato.

Tutti a DAZN erano in attesa nel dopo partita di ascoltare quanto avessero da dire Francesco Calzona o i giocatori del Napoli.

Ecco quanto riportato da Tommaso Turci, giornalista DAZN:, giornalista DAZN, ha riportato:

La notizia è che non parlerà nessun tesserato del Napoli, perché non è piaciuta per niente la prestazione della squadra di Calzona alla dirigenza e al presidente De Laurentiis.

Quindi non verrà né l’allenatore del Napoli né alcun tesserato a rendere conto di quanto successo oggi, di quest’ennesima sconfitta.

Sicuramente non è un momento semplice adesso, e lo si percepiva a fine partita, con l’ennesima contestazione che c’è stata da parte di entrambe le curve.

Era già successo diverse volte in questa stagione che ci fossero state delle contestazioni. È successo anche oggi.

Uno sconsolato De Laurentiis in tribuna che si aspettava dopo un quarto d’ora iniziale molto complicato col doppio vantaggio del Bologna, una prestazione diversa da parte di tutta la squadra.

La sensazione è che per questa squadra vincere, perdere o pareggiare sia la stessa cosa. Manca quel mordente“.

Invece, ecco che ai microfoni si è presentato il Direttore della comunicazione della SSCNapoli Nicola Lombardo comunicando il silenzio stampa deciso dalla squadra e dall’allenatore e accettato dal presidente De Laurentiis.

Lombardo si è scusato con i media per il silenzio stampa invocando però la legittimità dell’atto in certi momenti come questo che il Napoli sta vivendo.

Thiago Motta a DAZN

 

Chi invece si è presentato puntuale ai microfoni di DAZN è stato  Thiago Motta,che ha ricevuto i complimenti dello studio e di Pazzini.

 “Non so cosa dire. Alla fine riesco a capire tante cose e i vostri commenti sono molto interessanti perché sapete di cosa si sta parlando.

Oggi senza nessun dubbio meritavano di iniziare quegli 11. Ma anche i subentranti hanno fatto bene, hanno voglia di fare cose importanti.

Grande prestazione e grande prova contro una squadra importante anche oggi.

 Non faccio conti, metto tutta l’energia a godermi questo momento e questi ragazzi fantastici.

Sono felice per i tifosi che ci seguono e vivono questi momenti sostenendoci, anche nelle difficoltà, ma sono contento soprattutto per i miei ragazzi.”

Alla domanda del perchè dei cambi nella formazione iniziale ha risposto:

“Perché meritano di giocare anche loro. I portieri che abbiamo sono ottimi e meritava spazio anche Ravaglia. Non sono io che azzecco le formazioni, io mi fido di ciò che vedo durante la settimana. Sono loro che mi fanno capire, io sono solo attento a trovare i giusti input da ognuno di loro”.