fbpx

L’Empoli ha ancora qualcosa da chiedere a questo campionato. Il Napoli deve allenare le proprie qualità

Stadio Castellani

Buccantini: l’Empoli? Un piccolo Napoli, vuole il pallone e ha attaccanti che si sacrificano. Hanno fatto sudare la Juve, il centrocampo è di alto livello tra Bennacer, Krunic e Traore. Di Lorenzo e Pajac sono esterni interessanti

A Radio Marte, nel corso di ‘Marte Sport Live’, sono intervenuti giornalisti ed opinionisti per parlare del Napoli, del match che la squadra azzurra giocherà al Castellani contro l’Empoli.

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net:

Andrea Marinozzi, telecronista Sky: “Empoli? Allegri lo aveva detto, temeva di andare in difficoltà nella prima ora di gioco. L’Empoli gioca bene, ma poi arriva davanti alla porta e finalizza poco. Hanno avuto un po’ di problemi i società, i due esoneri hanno creato confusione: non era da esonerare Andreazzoli, ma non era neanche da richiamare al posto di Iachini.

La Juve ha chiuso subito il campionato, il Napoli ha bisogno di un po’ di tempo con Ancelotti. L’arrivo di Cristiano Ronaldo sembrava un incentivo per le altre squadre, invece è parso uno scusante: speriamo l’anno prossimo cambi qualcosa. Europa League? Spero che il Napoli la vinca! Empoli-Napoli? Partita allenante, qualsiasi squadra con obiettivi lo è. L’Arsenal è di un altro livello chiaramente, ma nella doppia sfida gli azzurri sono favoriti”

Marco Bucciantini, giornalisti: “Boxing Day? Non tutti i paesi hanno la stessa cultura, in altri paesi funziona, da noi il 26 dicembre è un giorno di festa. L’idea di passarlo allo stadio poteva piacere, anche se ci ricordiamo tutti cosa è successo in Inter-Napoli.

Non so su quali basi il Boxing Day è stato accantonato, proporrei di inventare un giorno particolare per portare gente allo stadio, magari giocando tutti alle 15 e regalando 2 biglietti ogni due per favorire il flusso di famiglie allo stadio. Tre partite alle 19? Un adeguamento televisivo, sicuramente meglio che giocare alle 15 o alle 18 in settimana.

I diritti televisivi influiscono sui bilanci delle società e quindi va tutelato questo tipo di interesse. Arsenal? Miglior momento possibile per i gunners, giocano bene come il Napoli ed Emery ha impostato anche una tattica diversa rispetto agli anni scorsi.

Il Napoli deve allenare le proprie qualità, deve andare sempre al massimo per giocare bene e raggiungere gli obiettivi. L’Empoli? Un piccolo Napoli, vuole il pallone e ha attaccanti che si sacrificano. Hanno fatto sudare la Juve, il centrocampo è di alto livello tra Bennacer, Krunic e Traore. Di Lorenzo e Pajac sono esterni interessanti”.

Mimmo Malfitano, giornalista: “L’Empoli ha ancora qualcosa da chiedere a questo campionato: deve conquistare punti per evitare la retrocessione e giocherà col coltello tra i denti contro un Napoli, che, invece, non ha più nulla da dire in chiave scudetto ed ha un vantaggio notevole sulla terza in classifica.

Insigne è un po’ fragile dal punto di vista caratteriale ed averlo eletto a grande talento di calcio italiano può non avergli fatto bene. Il fuoriclasse è colui che esprime le sue doti con continuità, Insigne invece alterna momenti di sconforto ad altri di esaltazione”.

Guido Trombetti“La situazione Insigne crea qualche sospetto. Ha 28 anni e si avvia verso gli ultimi colpi e gli ultimi contratti, poi ha cambiato procuratore e Raiola ha interesse nel vendere, non nello stabilizzare il calciatore.

Nel calcio sappiamo che non esistono più delle bandiere. Mi pongo un problema che però non ha soluzione: era questo il momento di aprire il caso Insigne? Probabilmente bisognava attendere prima di far esplodere la vicenda del dopo Insigne”.

Beppe Incocciati“Il gol di Milik alla Roma è bellissimo e per uno della sua stazza non è semplice non apparire macchinoso e invece è stato un gesto strepitoso, di altissimo livello. Sono felice per Milik che ha qualità e dopo due interventi si è ripreso alla grande.

Al di là di chi finalizza, è importante anche chi fornisce l’assist con i giri giusti. Poi, Milik semplifica tutto, ma l’essenza di ciò che sta facendo sta anche nell’aiuto dei compagni di squadra e l’assist di Verdi è delizioso.

L’Empoli proverà a raccogliere punti, ne vale la sopravvivenza e il Napoli non deve sottovalutare questo impegno che è determinante in vista dello scontro contro l’Arsenal di Europa League”.

Fabio Mandarini, giornalista: “Sono molto curioso di vedere Verdi giocare con continuità. Ha avuto tanti problemi, ma è stato un investimento importantissimo per il Napoli, è titolare di un talento incredibile e lo aspettiamo.

Poi, mi incuriosisce Younes che può diventare davvero una situazione importante e non sono convinto che il Napoli lo ceda”.

Andrea Cupi, ex calciatore attuale allenatore: “Il mio Napoli era davvero bello e mi sono rimaste tante amicizie. L’Emopli con Andreazzoli sta facendo bene sul piano del gioco e sarà una gara allenante per il Napoli in vista dell’Arsenal.

La classifica non rende giustizia al gioco dell’Empoli e allontanare Andreazzoli credo sia stato un danno per la squadra. Trovare un difensore come Koulibaly si fa davvero fatica perchè lui ha forza fisica, corsa, tecnica e se squadre come Barcellona puntano a lui vuol dire che è davvero un talento incredibile. Il Napoli immagino farà di tutto per non vederlo se si vorrà continuare a crescere”.

Simone Galli, giornalista: “Non è contro il Napoli che l’Empoli deve fare i punti, ma alla squadra di casa manca una vittoria importante in questa stagione e sarebbe importante se arrivasse domani.

Andreazzoli ha lo stile di Sarri, ama proporre gioco e il cambio con Iachini ha fatto sì che l’Empoli si snaturasse e contro il Napoli non farà le barricate, ma se la giocherà come sempre. Credo che l’Empoli si ripresenterà con Caputo che è il punto fermo e Farias”. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.