fbpx

James Rodriguez e il Napoli: un appuntamento con un destino tutto da scoprire

James Rodriguez

James Rodriguez- Colombia- Napoli

James Rodriguez e il Napoli, un matrimonio combinato dal destino con (la mano) di Ancelotti che ci ha messo tanto del suo e che non si sa in che modo possa concretizzarsi.

James Rodriguez e il Napoli: un appuntamento con un destino tutto da scoprire. Bisogna vedere se e in che modalità si concretizzerà l’affare, tra smentite, conferme e Tweet della società con tanto di treni e bandiere colombiane.

Contrastanti le voci che riguardano il trequartista colombiano.

Davide Palliggiano, corrispondente del Corriere dello Sport, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli nel corso della trasmissione Radio Goal ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’affare James-Napoli: “Rodriguez è un giocatore che non rientra nei piani di Zidane e le mancate convocazioni ne sono la chiara dimostrazione. Ora come ora il Real a questa patata bollente, accanto a quella relativa a Bale, da gestire nel migliore dei modi. Per cui se a Napoli la tensione è alta a Madrid è triplicata. Fino a qualche giorno la maglietta di James non era esposta nello store del Bernabeu, ora è apparsa in vetrina sebbene l’asterisco della società ‘numeri provvisori fino al 2 settembre’, questo può essere un segnale tanto positivo quanto negativo per il Napoli, dipende dalle prospettive”.

La Gazzetta dello Sport, ha una visione più pessimistica sull’epilogo dell’affare e svela un particolare retroscena: “I giochi li conducono Ancelotti e Giuntoli anche se la parola finale spetta sempre al presidente che a Marsiglia svelò di avere idee diverse rispetto a Ancelotti e Giuntoli sulle operazioni da concludere. In pratica, De Laurentiis è contrario all’acquisto a titolo definitivo di James Rodriguez, caldeggiato dal tecnico. Non ritiene necessario l’ingaggio di Fernando Llorente che, invece, è sostenuto dal diesse”.

Mentre Carmine Martino, noto giornalista, intervenuto a Radio Kiss Kiss sostiene che l’affare, alla fine si farà: ” È un momento di stallo ma sono certo che la trattativa andrà a buon fine, ormai la situazione si è delineata e, salvo colpi di scena clamorosi, il Napoli può considerarsi la sola ed unica destinazione possibile per James Rodriguez, con il calciomercato inglese chiuso e quello tedesco palesemente non interessato al giocatore. Milik? Se dovesse arrivare Icardi darei per certa la partenza del polacco; non so fino a che punto il Napoli possa permettersi l’ingaggio dei due centravanti.”

 La stella colombiana Valderrama a Fox Sports è abbastanza duro: “Se James è vecchio, siamo fregati. Ora è il momento giusto per lui. Permanenza al Real? Lo conoscono, l’unico problema che vedo è che l’allenatore non lo vuole e quando l’allenatore non lo vuole, sai quando giocherà? Neppure quando ci saranno 24 infortunati…”

DALLA SPAGNA

Marca ha sostenuto che James sarebbe stato tra i papabili convocati per l’esordio dei galacticos contro il Celta Vigo. La convocazione è, puntualmente, arrivata per via dei molti infortunati tra i blancos. Infatti, per Zidane, nonostante abbia detto che è contento di averlo in squadra, ritiene che non ci sia spazio per James. Infatti nonostante l’infortunio di Hazard e tante altre assenze, nei vari sistemi di gioco che potrebbe adottare Zidane – e proposti quest’oggi da Marca – non c’è posto per James Rodriguez. Nel 3-5-2 già provato con Salisburgo e Roma a centrocampo ci sarebbero Kroos, Casemiro e Modric ed in attacco Isco e Benzema. Nel 4-3-1-2 Isco sarebbe il trequartista dietro Jovic e Benzema mentre nel 4-3-3 ci sarebbero Vinicius, Benzema e Lucas Vazquez ed in alternativa anche Bale.

Dunque, nonostante la convocazione e le dichiarazioni in conferenza stampa, Zidane non vede di buon grado la permanenza di James a Madrid. Andando anche contro la volontà di Florentino Perez che stravede per il colombiano.

Il noto giornalista Ciccio Marolda, spiega il motivo delle parole del tecnico francese in conferenza stampa: “Il Real è un po’ in difficoltà ed è giusto che Zidane provi a difendere un patrimonio del club, anche importante, ma che resti lì è tutto da vedere. Conterà la volontà del giocatore che è di andare via. Non ha giocato neanche nelle amichevoli estive. Dovrebbe essere convocato per questa partita, altrimenti siamo proprio nel mondo delle fandonie in conferenza”.

Sponda Napoli, invece, Verdi è ad un passo dalla firma con il Torino, ed anche Ounas è sul piede di partenza. Tutti segnali che lasciano ben sperare, nonostante le varie smentite di rito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.