fbpx

Questore di Napoli:”La Daspo scatta per chi attenta alla sicurezza e non per cori e bandiere”

Il Questore di Napoli, Alessandro Giuliano è intervenuto oggi a Radio Kiss Kiss Napoli.

Giuliano ha voluto replicare ad alcuni tifosi azzurri in riferimento agli ultimi Daspo comminati ad alcuni ultras:

Ecco le parole del questore

“Non c’è particolare attenzione su frange del tifo, pensiamo a chiunque mette a rischio la sicurezza.

Per un coro o uno sventolio di bandiere non sono arrivati verbali ai tifosi. Come in tutti gli impianti sportivi, anche in quello del Napoli è previsto un regolamento d’uso che chiunque accetta nel momento in cui acquista un biglietto. Questo regolamento d’uso riguarda la sicurezza: stupefacenti, vie di fuga e prescrizioni che attengono alla sicurezza. Intervenire su comportamenti che mettono a rischio la sicurezza delle migliaia di persone che popolano lo stadio è ciò che siamo chiamati a fare e continueremo a fare”.

Già alcuni giorni or sono, il Questore Alessandro Giuliano spiegò lo spirito del Daspo ai microfoni di Radio Punto Nuovo all’interno di Punto Nuovo Sport Show con Umberto Chiariello.

Il questore di Napoli precisò quanto segue
“ Lo spirito con cui noi facciamo quest’attività è quello di consentire a tutti di fruire dello spettacolo del calcio in assoluta sicurezza. Noi tuteliamo tutte le famiglie che intendono andare a guardare la partita allo stadio.

Ci sono alcuni divieti d’accesso alle manifestazioni sportive, determinate da condotte tenute durante le partite, come lo scavalcamento.

E’ possibile erogare un Daspo a persone che, a prescindere dal comportamento, hanno una fedina penale sporca di determinati reati.  In questo modo si rende tutto più sicuro.

Infine ci sono violazioni amministrative che partono dal regolamento dell’impianto al fine di assicurare la sicurezza degli spettatori.

Tifosi del Napoli?

Non ci sentiamo contrapposti alla tifoseria, riteniamo che tutte le persone che vogliono godersi lo spettacolo, sono quelle che vogliono rispettare le regole. E’ per loro che facciamo il possibile, è per loro che abbiamo instaurato impianti di video sorveglianza, per tutti coloro che si aspettano qualcosa da noi.

Stadio posto sicuro?

Non abbiamo l’ambizione di affermare di aver risolto OGNI problema, ma proprio pensando al padre di famiglia, è giusto che si sappia che la Questura e la società stanno facendo il massimo sforzo per garantire sicurezza a tutta la famiglia.

Sanzioni?

A prescindere dall’entità, hanno anche una funzione anche simbolica: sottolineare che determinati comportamenti, seppure non costituiscono reato, debbano essere stigmatizzati perché riguardano la sicurezza di tutti ciò che vanno allo stadio per godersi lo spettacolo. Noi vogliamo che lo stadio sia un luogo di divertimento, sostegno alla propria squadra, ma in maniera pacifica e nel rispetto di tutti gli altri.

2 thoughts on “Questore di Napoli:”La Daspo scatta per chi attenta alla sicurezza e non per cori e bandiere”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + venti =