Pellegrini come Alemao: colpito alla testa da un oggetto

Il centrocampista della Roma Lorenzo Pellegrini è stato colpito da un oggetto lanciato dagli spalti dello stadio ‘Fatih Terim’ di Istanbul

Il centrocampista della Roma Lorenzo Pellegrini è stato colpito da un oggetto lanciato dagli spalti dello stadio ‘Fatih Terim’ di Istanbul. All’8′ del secondo tempo del match Basaksehir-Roma di Europa League, mentre stava per battere un calcio d’angolo, il calciatore è stato colpito da oggetto lanciato dagli spalti. Il 23enne romano ha perso sangue dalla testa, si è fatto medicare a bordo campo e ha ripreso a giocare. Il match è stato interrotto per circa 5 minuti.

Gara sospesa per circa cinque minuti

Sul risultato di 0-3 per la Roma un bruttissimo episodio viene registrato in Turchia, dove Lorenzo Pellegrini è stato colpito da un oggetto proveniente dagli spalti. Il giocatore giallorosso è stato ferito alla testa ed è subito stato medicato.

Un episodio gravissimo che ha costretto il direttore di gara a fermare il gioco. Lo speaker che ha subito invitato i tifosi dell’Istanbul Basaksehir a non ripetere questo tipo di gesti. Un oggetto tagliente, probabilmente una monetina, ha provocato una ferita alla testa del giocatore. Pellegrini è stato subito accompagnato a bordo campo con la maglia sporca di sangue.

Quando Alemao fu colpito alla testa

Il campionato dei miliardi deciso da 100 lire. Fu la battuta più gettonata del tempo, in effetti andò proprio così. In quella pazzesca stagione, che vedeva al via i più forti giocatori del mondo – da Maradona a Van Basten, da Matthaus a Roberto Baggio, da Careca a Klinsmann, da Gullit a Rjikaard, da Vialli a Baresi – che si concluse con i Mondiali organizzati in casa e le tre coppe europee vinte tutte da noi (con una quarta italiana in finale) la differenza la fece una monetina, quella piovuta sulla testa di Alemao, l’8 aprile 1990.

🖨

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi collaborare con CANAPOLI.NET ? CLICCA QUI