fbpx

CorSera – ADL pentito di aver rifiutato 110 milioni per Koulibaly

Koulibaly Insigne

ADL pentito di aver rifiutato 110 milioni per Koulibaly

ADL pentito di aver rifiutato 110 milioni per Koulibaly. Kalidou Koulibaly ed il possibile pentimento di Aurelio De Laurentiis per non aver ceduto alle offerte arrivate per il difensore la scorsa estate. Lo scrive l’edizione odierna del Corriere della Sera, che scrive così sul centrale senegalese sempre al centro di tantissime voci di calciomercato.

“Un’estate fa Kalidou Koulibaly valeva 110 milioni. De Laurentiis ha detto molti no. Salvo poi probabilmente pentirsene quando il gigante senegalese ha iniziato a infilare un errore dietro l’altro. Cose non da lui. Il suo blackout tecnico al Napoli è costato moltissimo nella prima parte di stagione. Gattuso ci ha lavorato a lungo, soprattutto sotto l’aspetto mentale. I progressi, assicurano da Castel Volturno, si vedono già” scrive il quotidiano.

Le parole di ADL

Il presidente del club partenopeo ha rivelato recentemente di aver rifiutato un’offerta da 100 milioni per quello che è uno dei suoi gioielli. Ai microfoni di ESPN ha poi alzato la posta in palio: “Ha una clausola: 150 milioni di euro. In Inghilterra, lo sapete, possono spendere 93 milioni per un calciatore che al Napoli avrei preso per massimo 25-30, massimo 35 milioni. Se Maguire vale 93 milioni, allora, Koulibaly ne vale 250”.

Per Koulibaly De Laurentiis ha fatto male a rifiutare un’offerta da 100 milioni di euro per lui

Non è uno che si lascia distrarre dalle voci di mercato Koulibaly, concentratissimo e intenzionato a ritrovare lo smalto migliore dopo un’estate contraddistinta anche dalle fatiche in Coppa d’Africa. In un’intervista il gigante azzurro ha voluto anche scherzare sulla sua quotazione di mercato e sul no di De Laurentiis a 100 milioni di euro. A giudizio del centrale quella cifra avrebbe fatto comodo al patron: “De Laurentiis ha rifiutato 100 milioni di euro per me? E ha fatto male… Ora sarebbe più ricco! Ma ha deciso così perché mi vuole bene”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *