fbpx

Napoli – Empoli 3-2, Cozzi alla RAI: “Ci siamo confrontati con una grande squadra, siamo soddisfatti”

Paolo Cozzi - Empoli

Napoli – Empoli 3-2, Cozzi alla RAI: “Ci siamo confrontati con una grande squadra, siamo soddisfatti”

Paolo Cozzi, allenatore in seconda dell’Empoli, ha parlato ai microfoni della RAI al termine di Napoli – Empoli. Queste le sue dichiarazioni all’emittente.

 

Grande personalità con la quale avete sfiorato l’impresa.
“L’obiettivo della partita era confrontarci con quelli bravi e far fare ai nostri giovani un’esperienza per crescere. Il Napoli è una squadra forte, fra le migliori della Serie A. Non ci siamo snaturati, raggiungendo il nostro obiettivo. Il risultato è negativo ma noi siamo soddisfatti.”

 

Qual è il segreto nello sfornare giovani così interessanti?
“La società punta molto sul settore giovanile, con strutture organizzate e con un’organizzazione generale di livello. La squadra è cresciuta molto anche grazie a questa mentalità.”

 

Siete partiti con l’obiettivo della promozione o l’appetito vien mangiando?
“La seconda che hai detto. L’obiettivo era quello di stupire e fare un campionato di vertice ringiovanendo la rosa dello scorso anno. Siamo la rosa più giovane della categoria, per ora abbiamo raggiunto l’obiettivo ma adesso arriva il difficile. Tutti in B ti affrontano in modo diverso quando sei la capolista. Dobbiamo dimostrarci all’altezza della nostra posizione già alla prossima a Salerno.”

 

Che giocatore è Bajrami?
“E’ un giocatore di talento. Riesce ad essere situazionale in tutte le giocate. Capisce il gioco intorno a lui e a intuire la giocata. Ha un gran controllo di palla e un buon tiro. Per noi può fare la differenza.”

 

E’ difficile parlare dei singoli, ma se dovessi scommettere su un nome?
“Io scommetto sull’Empoli. Avete ragione nel sottolineare che abbiamo molti bravi giocatori, ma la differenza la sta facendo il gruppo.”

 

Adesso arriva il mercato, farete qualcosa?
“Cambiare qualcosa in una squadra prima in classifica è difficile. Si rischia di voler migliorare ma non ci sono garanzie che avvenga. Vogliamo mantenere le nostre certezze anche perchè il gruppo è importante e non vogliamo rischiare di smantellarlo. Sarebbe meglio conservare quest’empatia che c’è nel gruppo attualmente. Poi la società valuterà.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 1 =