fbpx

Lorenzo Insigne: “Vado a Toronto, ma con il Napoli sulla pelle”

Lorenzo Insigne

Lorenzo Insigne: “Vado a Toronto, ma con il Napoli sulla pelle”

Domani sera la nazionale italiana di calcio torna in campo per disputare una prestigiosa gara contro l’Argentina determinando così la migliore formazione tra chi ha vinto la Coppa America Conmebol 2021 (Argentina) e chi si è aggiudicata la Uefa Euro 2020 (Italia).

Lo farà nel tempio del calcio, ovvero in quello stadio Wembley di Londra che ha accompagnato le gesta della nazionale di Roberto Mancini e che sono tuttora negli occhi degli italiani, tra l’altro incupiti per la mancata qualificazione a Qatar 2022.

In nazionale anche Lorenzo Insigne che nelle sue dichiarazioni mostra ancora tanto amore per la sua ex squadra e soprattutto per la città di Napoli: “Non mi ritiro dalla Nazionale! Sono tifosissimo del Napoli, Diego tatuato sulla pelle”.

Questa una delle sue affermazioni a margine della conferenza stampa a cui ha partecipato, presentando la sfida con l’Argentina.

Come state vivendo questa vigilia

“Vogliamo continuare a fare cose straordinarie, questo stadio ci evoca grandi ricordi e anche domani vogliamo regalare ai nostri tifosi una notte da favola. La storia dell’Italia è una storia immensa ed incredibile e noi vogliamo riportare la nostra nazionale dove merita di essere, molto in alto”.

Chiellini dirà addio alla Nazionale, farai anche tu lo stesso

“Giorgio è stato una pietra miliare in questa squadra, ha dato davvero tanto, ma il tempo che passa è l’inesorabile orologio della nostra vita. Per me è presto, anche se vado dall’altra parte del mondo ho sempre dato la mia disponibilità. Ho grande attaccamento per questa maglia, poi chi vivrà vedrà”.

Vagherà l’ombra di Maradona in campo, sentirai il brivido della sfida tra la nazionale del tuo idolo e la tua

Maradona ce l’ho tatuato sulla pelle, io sono tifosissimo del Napoli e lui per noi ha dato tanto. La sua assenza è motivo di grande sofferenza per chi lo ha voluto bene, io giocherò nel suo ricordo con la consapevolezza che il suo spirito accompagnerà una bella partita ricca di significati. Spero domani di alzare questo trofeo, Maradona ci ha portato sul tetto del mondo e noi napoletani lo ringrazieremo sempre”.

Quale significato avrà per te questa gara oltre a puntare alla vittoria

Noi abbiamo scritto la storia in questo stadio e quella di domani sarà una gara molto importante per ripartire e riportare l’Italia in alto”.

Quale sarà il tuo futuro in nazionale o quantomeno nella nazionale di Mancini

“Ho parlato con lui e ho sempre dato la mia disponibilità, anche a viaggiare. Io accetterò tutte le sue scelte e finché ce la farò darà la mia disponibilità”. 

E’ questa una nazionale che si sta rinnovando, quali giovani ti hanno maggiormente colpito

“Donnarumma e Bastoni ma anche Tonali. E poi il mister ha sempre avuto il coraggio di lanciare i giovani e continuerà a farlo. La nazionale italiana è destinata a crescere e lo farà con il fior fiore di calciatori italiani, ce ne sono di bravi, davvero”.