fbpx

Casanapoli con il Napoli in ritiro anche Luigi De Magistris

Il ritiro del Napoli

Casanapoli con il Napoli in ritiro: l’affetto, l’amicizia di Luigi De Magistris, ex Sindaco di Napoli, per la squadra del Napoli, per la nostra testata e per la cittadina di Dimaro

A seguire questo importante momento preparatorio della nuova stagione agonistica del Napoli, un ex magistrato, anche eccellente figura politica, che ha per un

decennio, ricoperto la carica di primo cittadino di Napoli, Luigi De Magistris.

L’ex Sindaco di Napoli, in virtù di un impegno assunto con i vertici della testata giornalistica casanapoli.net, è a Dimaro per seguire con l’attenzione del

giornalista in erba, le fasi di preparazione della squadra in vista dell’importante nuova stagione agonistica che vedrà la squdra azzurra allenata da

Luciano Spalletti, impegnata in campionato, in coppa Italia, in Champions League.

Il Napoli in ritiro

Questa sera De Magistris ha partecipato ad una trasmissione on line condotta dal giornalista Max Viggiani e con in studio, nello scenario delle piazze di Dimaro,

Pietro Maiello, Lida Sabic, Alessia Bartiromo, supervisionati dal direttore di testata Gaetano Palumbo, per confrontarsi con il Sindaco di Dimaro,

Andrea Lazzaroni e disquisire sulle responsabilità dell’essere primo cittadino e sulle vicende che riguardano la squadra del presidente Aurelio de Laurentiis.

Ecco quanto detto da Luigi De Magistriis: “E’ stata un’emozione impagabile fare il Sindaco di Napoli ed anche alla fine del mandato mi chiedevo quanto

fosse stato importante ciò a cui ero stato chiamato come Sindaco della più bella città del mondo.

Io ho avuto la fortuna di nascere lì e l’esperienza che ho vissuto mi ha lasciato l’umanità…perchè camminare per le strade ed incontrare la gente tra la sofferenza,

la speranza, i sogni, la gioia, per me ha significato grande esperienza di vita.

Ho dato tutto me stesso per la mia città. 

Il rammarico più grande del mio mandato è stata la pandemia.

Si è fermata d’un colpo la programmazione, i cantieri, i grandi eventi, voglio ricordare che a giugno del 20 avrebbe dovuto esibirsi a Napoli Paul McCartney,

un’area metropolitana di oltre tre milioni e mezzo di abitanti lascia davvero un grande rammarico.

L’aver ereditato una città che nel mondo era denominata la città dei rifiuti, e diventata poi la prima città d’Italia per crescita culturale, per i grandi numeri legati

al turismo che io e la mia amministrazione abbiamo fatto decollare, e senza soldi, sento di dover ringraziare i napoletani, anche quelli che nel corso del mio

mandato mi hanno contestato. 

Il mio orgoglio è che non ho mai tradito Napoli.

Napoli ha le sue immagini che restano nella mente della gente.

E’ un must vedere i ragazzini giocare a pallone tra i vicoli della città, così come non puoi togliere i panni stesi perchè rappresentano il folklore di una comunità

che ha vissuto e vive diversamente dalle altre.

Fuori dal sistema, essere incorruttibili nell’Italia corrotta.

Per quanto riguarda questo importante momento sportivo che riguarda il ritiro e la preparazione del Napoli, aspettiamo che la squadra si completi nei vari

reparti e poi vedremo quanto la professionalità di Luciano Spalletti riuscirà a trasmettere ai ragazzi per poter ambire a traguardi importanti”. 

Come stai trascorrendo il tuo tempo, Luigi: “Sto completando le bozze di un mio libro che uscirà  a fine settembre il cui titolo è -Fuori dal sistema,

essere incorruttibili nell’Italia corrotta.

Non c’è prezzo a non avere prezzo

E tornando alla mia vicenda umana rimugino sulla mia esperienza di Magistrato, di Sindaco, di Parlamentare Europeo, e concludo dicendo che

– Non c’è prezzo a non avere prezzo-.