fbpx

Novellino a Radio CRC: “Il Napoli non si snaturerà e proverà a vincere. La società è cresciuta, ma leggo sempre il nome di Giuntoli in piccolo…”

Napoli scudetto

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Walter Novellino, allenatore

“Il Napoli e l’Inter sono preoccupati per una nuova preparazione che hanno dovuto fare. In questo momento nessuno sa come sarà la condizione fisica. Queste due squadre sono forti, il Napoli in particolare ha tanta qualità e sono convinto che farà una grande partita stasera. Non concederà tanti vantaggi a nessuno. La squadra è forte e consapevole dei propri mezzi, ma attenzione alla condizione fisica. L’Inter è una squadra amalgamata. Questa partita ha la sua importanza per la condizione fisica e mentale per la ripresa del campionato. Se l’Inter perde può dire addio allo scudetto. Il Napoli ha due titolari fortissimi per ogni ruolo. Ndombele è un giocatore importante come Anguissa. Il Napoli ha i giocatori per fare una grande partita. L’incognita è dal punto di vista fisico, non mentale. Io credo che le difficoltà le avrà anche l’Inter dal punto di vista fisico. Secondo me non incide per il campionato questa partita. Ci sono ancora tantissime partite. È ovvio che i giocatori dell’Inter possono mettere in difficoltà il Napoli, ma la squadra di Spalletti concede poco.
Kvaratskhelia? Si pensava che Insigne fosse unico, invece lui ha lavorato in silenzio. Osimhen è un giocatore che ha ritrovato una condizione fisica eccezionale. È un giocatore da doppia cifra, ha tutto. Barella è un centrocampista forte. Osimhen può portare avanti il campionato del Napoli a suon di gol. Non penso che Spalletti si snaturerà, il Napoli giocherà per vincere la partita. Il Napoli può condizionare molto il gioco dell’Inter perché i quinti non si alzeranno mai. Secondo me la fase difensiva la può fare più l’Inter che il Napoli. Anguissa? Quest’anno è cresciuto perché è stato spostato leggermente più avanti. È un giocatore importantissimo come lo è il centrocampo del Napoli. Il Napoli è convinto ed ha la forza di poter vincere il campionato. Il Napoli ha tutto per giocarsela. L’operazione Bereszyński? È un rinforzo in più per una squadra che vuole avere 2/3 titolari per ogni ruolo. Giuntoli non è uno stupido, si sta muovendo anche per il prossimo anno. Nel Napoli c’è stata una crescita generale in tutto, anche in società. Si pensava che il Napoli si fosse indebolito, invece si è rinforzato. Io leggo i giornali e trovo il nome di Giuntoli in piccolissimo, ma secondo me bisogna solo applaudirlo per il lavoro che sta facendo. È uno che lavora molto in silenzio.
 Zanoli può dare una mano alla Sampdoria che è in difficoltà in classifica. Koulibaly è un giocatore straordinario. Ne è arrivato un altro molto forte, ma non possiamo dire che non sia straordinario. È contento che Kim stia facendo bene. Sono due giocatori diversi, due centrali difensivi che marcano bene l’uomo. Kim è una sorpresa per tutti noi, ma non dobbiamo denigrare Koulibaly perché a Napoli ha contribuito a dei campionati straordinari che hanno portato tanti soldini al Napoli. Koulibaly va applaudito per quello che ha fatto nel Napoli e per quello che sta facendo per le persone in difficoltà. Raspadori? È un giocatore di grande qualità vicino alla porta. Non dimentichiamo Simeone che è un giocatore straordinario. Penso che quest’anno ci sia la miscela giusta in tutti i reparti. Sono contento per quello che Spalletti sta facendo e ha fatto. È un allenatore che sta dimostrando il proprio valore. Sarei felicissimo se lui e De Laurentiis coronassero questo grande sogno. Luciano è entrato dentro ai calciatori e quando uno entra dentro le persone non sbaglia mai”.