fbpx

Bergonzi: Orsato in Napoli-Roma? “L’esperienza, il carisma e l’autorevolezza di aver arbitrato una finale di…

daniele orsato
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Mauro Bergonzi, ex arbitro internazionale ed attuale moviolista Mediaset
Parere sull’arbitraggio del weekend in Serie A? “Weekend arbitrale molto positivo, tutti i direttori di gara hanno sfornato una prestazione di livello. Mariani in Cremonese-Inter, anche Doveri in Atalanta-Samp. Orsato, invece, ha dato una lezione di arbitraggio in una gara molto bella, giocata da entrambe le squadre nel migliore dei modi. Arbitraggio da Mondiale”. Prova positiva di Orsato in Napoli-Roma? “L’esperienza, il carisma e l’autorevolezza di aver arbitrato una finale di Champions ed una semifinale di Mondiale… Una direzione di gara pulita, coscienzioso il suo continuo far giocare. Era padrone della partita, diventata bellissima grazie alla sua propensione allo spettacolo. La Roma ha evitato scene isteriche evidenti con la Fiorentina. I giallorossi si sono messi in riga. Ma senza simulazioni o costanti proteste, nel complesso lo spettacolo è più bello”. Prova della Roma con il Napoli? “La miglior partita della gestione Mourinho, ieri sono mancati ai giallorossi soltanto Osimhen e Simeone. Il Napoli, tuttavia, gioca benissimo a calcio, un gioco spettacolare per gli occhi, da guardare il sabato o la domenica sera. I due azzurri comunque hanno realizzato due perle incredibili, bisogna applaudire in piedi questi calciatori. In situazioni simili, anche l’arbitro si diverte. Successe anche a me con Miccoli, quando siglò quella rete da centrocampo al Chievo. Gli strinsi la mano, perché anche noi arbitri ci godiamo le belle parite e gli interventi importanti dei calciatori. Anzi, tenterei di favorire queste situazioni, potrebbero impreziosire lo spettacolo”. Focus sul secondo gol del Sassuolo? “Giusto annullare il gol,  tutti gli assistenti hanno preso la decisione corretta”. Commento sull’arbitraggio di Giua? “Ha arbitrato Roma-Fiorentina due settimane fa, una gara molto complicata dal punto di vista della direzione del gioco. Giuva è stato riproposto in una gara complessa da gestire. Giusto assegnare il rigore al Sassuolo valido per il 4-1. Adeguati anche gli undici cartellini estratti. È molto giovane, sta maturando. È un profilo interessante. Bravo anche Colombo in Lazio-Fiorentina, partita disputata a ritmi molto alti. Hanno giocato al massimo come anche l’arbitro, infatti ne è uscito stremato. Applausi per tutti, anche per il direttore di gioco. Tutti gli arbitri sono stati attivi e concentrati in questo fine settimana, è stato un weekend positivo. La lotta Champions comunque è molto accesa”. Giudizio su Alberto Rupen Arena, impegnato oggi in Cerignola-Monopoli? “Figlio d’arte. Un meraviglioso in bocca al lupo al ragazzo, queste partite sono molto complicate da gestire. Mi auguro che possa tornare a casa soddisfatto del proprio operato”. Zaniolo inseguito ieri sera dai tifosi: commento sulla situazione? “Non so cosa si sia verificato e cosa abbia indotto i tifosi ad un gesto simile. Conosci i rischi i quali si corrono, ma resta una scena fuori dal mondo. Episodio da condannare, è il minimo, i folli sono ovunque. Non conosco, tuttavia, i motivi di questo clima tanto teso a Roma, non è una bella situazione comunque per Nicolò. Sono dinamiche che fanno male al calcio e al ragazzo. Ho arbitrato Nicolò in tante partite, è un grande calciatore. È una situazione delicata, non conosco i motivi di questa situazione, anche se andrebbero condannati a prescindere”.