fbpx

Focus azzurro-Torino:Napoli-Gli illegali

Focus azzurro-Torino:Napoli-Il consueto punto del giorno dopo

La combriccola Spalletti vince in trasferta contro il Toro per 4 a 0 e continua la sua inarrestabile corsa in campionato. Il Napoli ha giocato una partita assolutamente straripante ed illegale, annichilendo l’avversario di turno sommergendolo di reti. Ma focalizziamoci ora sul contributo dei calciatori azzurri. Positivo Meret che riesce a dare sicurezza al proprio reparto, compie una autentica prodezza respingendo nel primo tempo un tiro insidioso di Ricci. 

Discreto il supporto tecnico degli esterni bassi Di Lorenzo e Olivera 

Il capitano senza macchia e senza paura è straordinario sia in fase propulsiva che in quella interdittiva, gioca ormai da tempo con l’arguzia e la tranquillità dei grandi atleti. È destinato a diventare uno dei più bravi e significativi capitani nella storia del Calcio Napoli. Volitivo e tenace Olivera che gioca praticamente da attaccante aggiunto, è migliorato però molto anche in fase difensiva. Attenta e puntuale la coppia centrale difensiva composta dai corazzieri Rrahmani e Kim. Rrahmani è praticamente l’uomo che controlla il fortino, al minimo accenno di incursione avversaria prende la clava e comincia a percuotere sulla testa tutto e tutti. Autentico baluardo del comparto arretrato! Aggressivo come sempre Kim prima spaventa gli avversari e poi se li mangia, si concede anche qualche sortita avanzata degna di nota. Bye Bye Koulibaly.

Vitale e organizzato il  centrocampo azzurro

Determinato Anguissa pressa e asfissia gli avversari recuperando decine e decine di palloni, smistandoli poi ottimamente ai compagni avanzati. Ispirato Zielinski che danza dietro le punte azzurre, assistendole con la solita raffinatezza. Quando ha voglia di giocare è decisamente superiore agli umani centrocampisti. Magistrale come sempre il contributo tecnico del mago Lobotka, si ha sempre la netta sensazione che sia atterrato a Napoli da un altro Pianeta calcistico. A mani basse uno dei centrocampisti più celebrali di tutto il vecchio continente!

Elettrica e pungente la linea avanzata partenopea

Imprevedibile Kvara che spazia su tutto il fronte d’attacco, procurandosi pure il rigore che realizza con straordinaria freddezza. Ad oggi ha già segnato 12 reti e fornito dieci assist letali. Nessuno avrebbe mai immaginato che il suo impatto con il calcio italiano, sarebbe stato così devastante. Indemoniato Osi che entra sempre in campo con la voracità di un piranha, ormai è diventato un fuoriclasse assoluto per quanto riguarda le reti di testa. Quando decide di prendere l’ascensore i difensori avversari, sono costretti a rimanere al piano terra e sperare poi che ritorni giù. Mi ripeto l’uomo che più di ogni altro fin dall’inizio, ha sempre creduto di poter raggiungere la fatidica Terra Promessa. Sottotono Lozano che parte sempre bene ma poi arriva male, regala però all’incontro la propria cifra di vivacità.  Bravi i subentrati Ndombele e Elmas che impattano come spesso gli succede, la gara nel migliore modo possibile. Concludendo il Napoli di “Mister Veleno” continua a volare sempre più in alto, in cieli ormai inarrivabili per i frastornati avversari, che ormai possono solamente salutare dal basso.  Adesso ci sarà la sosta per la Nazionale di Mancio, quindi bisognerà approfittarne per tirare un attimo il fiato, perché ci aspetta un mese di aprile pieno di sfide e di risultati da conseguire. Ma ormai la Magica Armata di Mister Spalletti è salda al comando e onestamente quest’anno non può aver paura di nessun avversario…