fbpx

Il Napoli a Dimaro, conferenza stampa di De Laurentiis: “In Trentino per i prossimi 3 anni”

Il Napoli a Dimaro

Il Napoli a Dimaro, conferenza stampa di De Laurentiis: “In Trentino per i prossimi 3 anni”

Anche quest’anno la SSC Napoli avvierà la preparazione, per la stagione prossima, in Trentino a Dimaro Folgarida. (Fonte CdS.it)

L’evento è stato presentato questa mattina al Konami Training Center di Castelvoturno dallo stesso presidente Aurelio De Laurentiis con la presenza di Roberto

Failoni (Assessore al Turismo del Trentino), Maurizio Rossini (Ceo Trentino Marketing), Luciano Rizzi (Presidente APT Val di Sole) e Andrea Lazzaroni

(Sindaco del Comune di Dimaro Folgarida).

Presenti anche Meret e Valentina De Laurentiis.

Ecco l’esordio di De Laurentiis: “Oggi si parla del ritiro del trentino. Abbiamo una partita importante con l’Inter, ci saranno le varie conferenze per parlare di

calcio, qui si parla di ritiro anche perché ci sono novità.

Altrimenti devo alzarmi e andarmene, cosa che non posso fare però per il rispetto vostro e dei miei ospiti. Qui c’è mia figlia Valentina che da quando ci

produciamo il materiale tecnico, con il mio amico Armani che ci pregia di fornirci il suo marchio, è diventata una colonna ormai della nostra società. Siamo

partiti in un momento molto difficile del Covid.

E’ stato un inizio complicato, feci accordi per il trasporto dalla Cina dei materiali, con un’azienda di Bergamo sui tessuti e siamo partiti con molte difficoltà e tutto

il reparto tecnico mi chiedeva se alla prima giornata si rischiava di partire con le vecchie maglie?

Invece poi abbiamo creato un’armonia, attrezzandoci per questa novità anche professionale. Oggi come oggi è un asset molto importante, quando vedo la risibile

situazione in squadre anche molto importanti guardo mia figlia e dico ‘siamo davvero una bomba, degli innovatori’.

A Dimaro ci aspettiamo un enorme flusso di persone, abbiamo fatto un sopralluogo e abbiamo valutato degli spazi un po’ più ampi per l’accoglienza per dei servizi migliori ed un intrattenimento oltre ad un secondo store sul posto, più grandi rispetto al solito.

Vorremmo fare un percorso per le foto dei tifosi con la coppa, diverse cose molto interessanti per migliorare e far partire una nuova era perché Napoli vuole splendere in tutti i sensi”.

“Ve lo dico in maniera chiara perché a volte leggo cose non esatte: noi avevamo terminato il nostro contratto e abbiamo raggiunto un accordo che lega la nostra amicizia, che va avanti da 13 anni, oltre a questo ritiro che sta per iniziare poi per i successivi 3 anni”.

Il Napoli a Dimaro

De Laurentiis rivolge un plauso al suo portiere, Meret:

“Devo ringraziare Meret che è stato sempre criticato, ma noi l’abbiamo sostenuto ed ha fatto questo campionato eccezionale”.

Gli ospiti di Dimaro annunciano di aver fatto uno sforzo ulteriori per una seconda tribuna aggiuntiva per poter accogliere più tifosi vista l’enorme flusso che è previsto. Altra novità sono dei summer camp per i bambini, targati SSCNapoli, della durata di 6 giorni.

Prende la parola Meret: “ho fatti diversi ritiri a Dimaro, è sempre un piacere tornarci, si lavora sempre molto bene, le strutture sono ottime, il campo è sempre molto bello e la temperatura ci permette di lavorare con più intensità e davanti ai nostri tifosi che sono sempre tantissimi.

E’ una fase importante per la nostra stagione, si mette lavoro nelle gambe, dobbiamo conoscere i nuovi e dobbiamo mettere in campo cose tattiche nuove, è una fase fondamentale e lì lo facciamo con serenità ed al meglio.

Quest’anno sarà ancora più bello perché il seguito sarà ancora maggiore. E ringrazio anche il presidente per le parole per me. Quest’anno si parla di 100.000 presenze, era impensabile lo scorso anno, ma ci abbiamo creduto dal primo giorno nonostante i cambi in squadra, il merito è di tutti e se ci saranno così tanti tifosi è un orgoglio per noi”.

Prende la parola la figlia del Presidente, Valentina:
“Sorpresa… durante il ritiro ci saranno alcune presentazioni. Abbiamo fatto le tre maglie, Halloween che è piaciuta molto, anche quella con le renne, a qualcuno non è piaciuta ma i numeri parlano, poi San Valentino. Quest’anno di più? Oltre a queste stiamo valutando altri progetti”.

Sul contenuto della cena con Spalletti

Infine interviene De Laurentiis, a cui viene chiesto di svelare il contenuto della cena con Spalletti:
“La cena di venerdì era dovuta, una cena dell’amicizia, del ringraziamento, ad un certo punto era quasi un giallo perché sapevamo di aver vinto lo Scudetto, ma quando? Dipendeva anche da altre partite, poi per l’Udinese mi è venuta l’idea di festeggiare e 54mila c’erano ed è stato meraviglioso.

Uno non vuole stare per forza al centro dell’attenzione a tutti i costi, avrei potuto collegarmi dallo spogliatoio e fargli i complimenti in diretta, ma è un momento loro ed era giusto farlo godere a loro e all’allenatore.

C’è stata la celebrazione con la Fiorentina, vincendo anche senza averne bisogno, ed abbiamo fatto una manifestazione che mi ha portato i complimenti persino dall’estero e mi sto spaccando per fare la cerimonia della consegna del trofeo il 4. Leggo tante cose, è sempre stato il 4, alle ore 19, finita la partita poi verranno montati i palchi e credo, credo, uno da 520 metri e metterò comunque una decina di schermi più grandi di quelli dell’altra volta.

De Laurentiis chiama Fiorello

Poi ho chiamato Fiorello, che mi chiede sempre di andare da lui, e gli ho chiesto di montare la sua struttura al Maradona per andare in diretta dalla centralità del mondo che è Napoli. Magari si va avanti anche dopo mezzanotte… probabilmente mi dirà di no”