fbpx
Idris Casa Napoli

Pazzo della sua Juve ma tanto innamorato di Napoli e dei Napoletani, Idris Sanneh, giornalista e opinionista televisivo di ” Quelli che il Calcio ” – ” Tifosi Napoletani ” e Ciao Darwin  ci ha lasciati oggi, ad annunciarlo un messaggio della famiglia di qualche minuto fa inviato alla nostra redazione.

” Ci ha salutato per l’ultima volta nel suo giorno della settimana preferito … di Venerdì “, inizia il messaggio dei familiari scritto in Italiano, Francese e Inglese, e si perchè Idris era il tifoso dei popoli nel mondo dell’amore del calcio che unisce tutti, senza alcuna distinzione di colori o bandiere, cosi infatti il doloroso messaggio continua ricordandolo come un uomo di cuore e con  grandi idee ispirate a cambiare il mondo.

La famiglia farà sapere presto dove poter dare l’ultimo saluto ad Idris e chiede una preghiera per lui, una preghiera di Pace e Amore che possa accompagnarlo alla sua nuova vita.

 

Da Wiki:

Nato in Gambia[3] in una famiglia poligama[senza fonte], ha 21 fratelli. Inizia gli studi in Senegal, arriva in Italianel 1972 con una borsa di studio ottenuta all’Università per Stranieri di Perugia. Successivamente si trasferisce a Brescia dove, terminati gli studi, comincia a lavorare come DJ nelle discoteche e nelle radio locali. La sua prima importante apparizione televisiva è nella trasmissione “Tele Vù Cumprà” prodotta e trasmessa dall’emittente locale RTG Radio TeleGarda, di cui rimase celebre lo sketch paradossale in cui Idris interpretava, parlando in dialetto bresciano, una persona che rifiutava di acquistare prodotti come fazzoletti di carta e accendini da un venditore porta a porta di pelle bianca. I suoi esordi come giornalista sportivo risalgono al 1977 per RTV-Radio televisione bresciana (emittente locale confluita alcuni anni dopo in Retebrescia), dove conduceva anche il programma musicale settimanale Idris Show[1]. Nel 1989 partecipa e vince a Star 90, programma di Canale 5 per nuovi talenti. Nel 1990 intraprende anche la carriera di attore, nel film Bianco e nero di Fabrizio Laurenti.

Tifoso della Juventus, la sua immagine è stata consacrata in anni di apparizioni alla popolare trasmissione televisiva Quelli che il calcio, condotta da Fabio Fazio: “È grazie al mio tifo per la Juventus che sono diventato famoso”, ammetterà in un’intervista[4]. Da alcuni anni[da quando?] si occupa della direzione del TG multietnico in onda su Retebrescia. Idris è sposato con una donna italiana ed è padre di quattro figlie[5]: Laura, Binta, Francesca Hadija e Hadin. Il 3 ottobre 2005 è diventato nonno del piccolo Pietro, figlio della figlia maggiore (Laura): «Voglio essere chiamato nonno Idris perché per me è un titolo nobiliare, mi fa onore!».