fbpx

Bologna-Napoli e i panni sporchi che non si lavano in famiglia tra fuso orario, duje fritture e l’Udinese che si avvicina – Le Pillole del Campionato del Napoli

Bologna-Napoli è la svolta che speri avvenga quanto prima, si avvicina ad esserlo e come una bolla di sapone si infrange nel momento più bello, riportando alla luce i soliti problemi e i mai sopiti rancori

Bologna-Napoli vede ancora una volta gli azzurri creare palle gol, macinare buoni sprazzi di gioco senza però scardinare il bunker avversario. Pur non rischiando praticamente nulla, Meret e soci al 73′ hanno la possibilità di passare in vantaggio con un calcio di rigore battuto da Osimhen con la palla che però esce incredibilmente a lato non inquadrando neanche lo specchio. Poi le polemiche: la sostituzione del 9 partenopeo, le parole del capitano e il monito di ADL, tutto nelle rocambolesche Pillole del Campionato del Napoli!

Natan sì e pure bene

La vigilia di Bologna-Napoli non inizia proprio benone. Doppio stop di Rrahmani e Juan Jesus (IL BOLLETTINO) e via, la difesa titolare non c’è più. Beh, forse è un segnale del karma visto che a Braga si era intravisto l’oggetto non indentificato Natan soltanto per i minuti finali. Questa volta nella mischia deve per forza esserci, insieme al sempre verde Leo Ostigard che può finalmente dimostrare il suo valore. Voto in pagella? Difficile dirlo: assolutamente bene ma anche non male, considerando l’unica azione offensiva del Bologna. Forse, forse senza voto, va, in attesa di avversari più probanti (LE PAGELLE).

Sfortuna e distanze

Alla fine Bologna-Napoli male male non è, anche se ci stavamo abituando davvero alla noia. A parte la carbonara mangiata alle 16 e la pennichella che vorrebbe avere il sopravvento sulla partita, qualche passo in avanti rispetto le ultime uscite si vede così come una vera azione da campioni d’Italia, di prima, con tiro pericoloso che costringe Skorupski alla super parata. Il problema è però alla base: Raspadori non si trova a suo agio largo a destra, Lobotka è costantemente marcato a uomo, Kvara è un fascio di nervi, pali e Var ci mettono il proprio così come il mio migliore amico gufo-milanista al momento del rigore di Osimhen. Che forse però si è gufato da solo. E a pensare che la parte “migliore” del match ancora doveva arrivare (L’ANALISI).

Doje fritture

E’ l’86’. Il Napoli si avvia verso l’ennesimo pareggio contro una medio-piccola e a distaccarsi ancor di più in classifica dalla capolista Inter a punteggio pieno. Come se non bastasse, il Bologna cerca l’affondino finale, senza troppe preoccupazioni ma che necessita comunque attenzione e compattezza. Dopo aver già fatto uscire dal campo come sempre Kvara al 75′, Garcia richiama anche Osimhen che ha una reazione scomposta ben inquadrato dalle telecamere, mimando un due. Il tecnico e il suo giocatore neanche si guardano e la richiesta era palese: doje fritture. E scusa Rudi, quando si gioca si ha fame, abbi un po’ di comprensione.

I panni sporchi

Scherzi a parte, il siparietto tra Osimhen e un silente Garcia sul modus operandi del cambio è stato davvero discutibile. Ognuno ha un ruolo: quello del 9 azzurro è giocare e segnare, cosa che poco prima aveva fallito con il penalty sbagliato, quello dell’allenatore è scegliere, mischiare le carte in tavola. E’ palese che ci siano dei problemi ma, come ha dichiarato il capitanissimo Di Lorenzo che non sbaglia mai nè una prestazione nè un’intervista, i panni sporchi si lavano sempre nello spogliatoio, mai in campo (LE PAROLE). Saggezza di altri tempi e speriamo che lo si faccia in fretta per il bene di tutti.

Fuso Orario

Il pomeriggio partenopeo sarebbe potuto benissimo terminare così, già fortemente ricco di informazioni da metabolizzare. Eppure poco dopo il termine del match arriva il carico da 90, direttamente dal metaverso dove forse il Napoli aveva vinto con il rigore di Osimhen la sua gara contro il Bologna. Il tweet di ADL non lascia dubbi…ma qualche perplessità sì (IL TWEET). Strategia per focalizzare l’attenzione su di lui? Fiducia a Garcia rinnovata? Fuso Orario in black out? Ai posteri l’ardua sentenza, in attesa dell’Udinese per il momento va bene così. A giovedì con le Pillole del Campionato del Napoli!

Alessia Bartiromo
RIPRODUZIONE RISERVATA