fbpx

Focus azzurro-Atalanta:Napoli-Ritorno al futuro

Focus azzurro-Atalanta:Napoli-Ritorno al futuro-La consueta rubrica del giorno dopo

Ritorno al futuro-  Il nuovo Napoli di Walter Mazzarri vince in trasferta contro l’Atalanta per due a uno e riprende finalmente a correre in campionato. La formazione azzurra ha giocato un ottimo primo tempo, dove ha mostrato una discreta organizzazione complessiva, mettendo in grossa difficoltà l’avversario di turno. Gli azzurri hanno poi sofferto nella ripresa il ritorno dell’Atalanta, ma i cambi azzeccati di Mister Mazzarri sono riusciti a contenere le folate offensive degli orobici. La squadra azzurra ha poi ribaltato la partita nel finale, con una splendida incursione di Elmas. Comunque è ancora presto per dare un giudizio definitivo sull’uscita dal pantano dove eravamo cascati, ma la prima partita della nuova gestione tecnica fa assolutamente ben sperare.

Il ritorno di Walter Mazzarri sembra destinato a dare un buon futuro alla formazione partenopea.

Ma ora focalizziamoci sulla partita dei calciatori azzurri. Attento Gollini che profonde sicurezza al proprio reparto, si fa apprezzare per un paio di interventi decisivi su tiri delle punte atalantine. Diligente e propositivo il supporto degli esterni bassi Di Lorenzo e Oliviera. Il Capitano gioca una partita tonica distinguendosi in tutte e due le fasi, appare nettamente migliorato sul piano fisico. Reattivo Olivera che nei primi frangenti gioco si dimostra caparbio e veloce, ma poi purtroppo subisce un brutto infortunio, che molto probabilmente lo terrà lontano parecchio dai campi di gioco.

Ritorno al futuro-Affiatata la coppia centrale difensiva composta da Rrahmani e Natan.

Rrahmani controlla costantemente le sorti del fortino azzurro, cercando di dare anche la giusta organizzazione al reparto. Il difensore segna anche la rete che avrebbe potuto portare il Napoli in vantaggio, ma gli viene annullato per un netto fuorigioco. Puntuale Natan che svolge il suo onesto compitino difensivo senza mai eccellere più di tanto, ma alla fine riesce a portare a casa una dignitosa prestazione personale. Lucido e dinamico e il centrocampo napoletano. Tentacolare Anguissa che arpiona palloni in quantità industriale, appare evidente che quando la condizione fisica lo sorregge, è assolutamente un altro calciatore. Sufficiente la gara del polacco Zielinski, danza sempre tra le linee ma con alterne fortune.

Decisamente ispirata la partita del Mago Lobotka, coordina in maniera costante la squadra azzurra, risultando alla fine della fiera uno dei migliori in campo.

Elettrica e pungente la gara della linea avanzata. Determinato Politano che cerca continuamente di mettere in difficoltà la difesa avversaria, spesso e volentieri riuscendovi. Volitivo Raspa che dialoga bene con i compagni di cordata, non dando mai  saggiamente punti di riferimento alla retroguardia antagonista. Non straordinaria la partita di Kvara, che però quando si accende incute sempre grande timore. Energetico il contributo dei subentrati, con una menzione speciale per la premiata ditta Elmas-Osimhen, che confeziona l’azione della rete finale, regalando così i tre punti alla formazione partenopea. Quindi in definitiva buona la prima per il Napoli di Mister Mazzarri, che si rimette in carreggiata dopo un periodo decisamente abulico della  gestione Garcia. Adesso il calendario ci offrirà un ciclo di gare alquanto difficili, ma come si dice chi ben comincia è già a metà dell’opera…