fbpx

Antonio Conte: La prima intervista da allenatore del Napoli

Antonio Conte

Antonio Conte: La prima intervista da allenatore del Napoli

Il Napoli e Antonio Conte, si sta scrivendo il futuro del club azzurro nell’élite del calcio mondiale.

Dopo giorni di speculazioni e attese, ieri l’altro è arrivata l’ufficialità di Antonio Conte al timone della squadra del Presidente Aurelio De Laurentiis. C’è stato il comunicato del Presidente e, oggi, il tecnico salentino è stato protagonista della sua prima intervista concessa ai canali ufficiali del club, rivelando le sue ambizioni e progetti per il futuro del Napoli: “Se mi dicono Napoli mi vengono in mente tante cose. Una delle città più belle al mondo. Il popolo napoletano è un popolo di passione. So che sarà una bellissima esperienza, calcistica e di vita, e ho grande entusiasmo di viverla. Avendo l’opportunità di fare questo mestiere, vivere un’esperienza al Napoli è unica e chi ha il privilegio di farlo deve farlo”.

Lo Stadio Maradona mi evoca un bellissimo ricordo: Napoli-Lecce, quando ebbi il privilegio di marcare Maradona. Abbiamo perso 3-2 alla fine, ma il ricordo più grande è quello del mio primo gol in Serie A, nella partita in cui marcavo Maradona. Per me fu una grandissima soddisfazione”.

Ai tifosi c’è da dire una sola cosa, ma non solo ai tifosi, a tutto l’ambiente napoletano: amma faticà!”.

“Il nostro obiettivo sarà quello di competere ai massimi livelli, sia in Italia che in Europa. Vogliamo portare questa squadra dove merita di stare, tra le migliori.”

L’arrivo di Antonio Conte sulla panchina del Napoli, di fatto, ha portato entusiasmo anche tra i giocatori partenopei che sanno di dover lavorare parecchio sia sulla fisicità, sia sulla mentalità da assumere in campo.

Intanto Conte ha anche scelto la residenza napoletana, a Posillipo, con vista mare, per cercare la concentrazione giusta e la giusta deriva per la squadra.

I tifosi sono già in visibilio e non aspettano altro di vedere la loro squadra all’opera, sin dal ritiro di Di Maro, già preso d’assalto dalle tante prenotazioni negli alberghi del luogo.