fbpx

Arsenal-Napoli tiene banco a Radio Crc

Stadio Arsenal

Borghi: Arsenal-Napoli? Quando arrivi ai quarti di Coppa non devi pensare all’avversario ma solo a vincere. Il fattore campo non lo trovo tanto influente. Le squadre inglesi hanno sempre un timore reverenziali con le squadre italiane perchè hanno paura di essere fregate tatticamente

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’,  in onda su Radio CRC, sono intervenuti alcuni giornalista ed opinionisti per parlare del Napoli, di Arsenal-Napoli prossimo match dei quarti di finale di Europa League e di altro.

Questi i loro interventi riportati da casanapoli.net:

Francesco Marolda: “Ancelotti deve recuperare il Napoli delle migliori notti internazionali”
Francesco Marolda, Corriere dello Sport: “Il Napoli, ovviamente non mi  è piaciuto ma nel I tempo ha giocato bene. Nel secondo tempo è stato un calvario. Abbiamo due letture: in campionato non si deve mollare e per molto tempo ci siamo divertiti e abbiamo guardato gli altri vincere. Non fasciamoci la testa prima del tempo. Se ripenso al Napoli di certe notti internazionali non possiamo lamentarci. Ancelotti dovrà riprendere quel Napoli. Non dimentichiamoci però che l’assetto difensivo con la mancanza dei due centrali era abbastanza debole con tutto il rispetto per Luperto e  Chiricheș.  Mi auguro e mi aspetto che il Napoli onori il campionato. Non piace a nessuno fare brutte figure. Dopo essere stato l’antijuve ed essere stato sempre al secondo posto non si può terminare in malo modo”.

Leonardo Vivard: “Nessun accordo per i sediolini del San Paolo tra comune e De Laurentiis”
Leonardo Vivard, CalcioNapoli24: “La verità sta parzialmente nel mezzo. De Laurentiis fu invitato al tavolo delle Universiadi in via informazionale. Il Comune ha un’autorità da tutelare e ascolta il cittadino e non solo chi usufruisce dell’impianto. L’accordo per il mix delle sfumature dei siediolini non è stato trovato. In questi minuti si stanno parlando gli interessati. I lavori non saranno in ritardo tant’è che ad Agosto il San Paolo sarà pronto per le prime gare amichevoli. Il problema resta per l’inizio delle Universiadi poichè potrebbero esserci settori con sediolini nuovi e altri vecchi. Se c’è un vaffa di mezzo è possibile che le parti siano in tensione e non trovino un accordo nell’immediato. Ciò può portare incomprensioni nella stesura della nuova convenzione”.

Italo Palmieri: “Il calcio femminile è puro ma De Laurentiis non è interessato”
Italo Palmieri, DG Carpisa Yamamay Napoli: “Le cose belle del calcio rosa sono tante e si differenzia da quello maschile che è degenerato con devianze soprattutto a livello giovanile. Il mondo rosa mantiene la sua purezza perchè non ci sono grossi interessi economici. In campo, è tutto uguale nel senso che i gesti atletici sono quelli. L’obiettivo della Carpisa Yamamay Napoli è arrivare in Serie A, essendo partiti dalla C. Abbiamo un settore giovanile fortissimo. Sono stato uno dei 3 presidenti che, nel 2012, ha inviato la richiesta di obbligare le società di serie A  ad avere una squadra femminile. Mentre Fiorentina, Milan, Juve ecc… hanno accolto la richiesta il Napoli non ha colto l’occasione. Evidentemente a De Laurentiis non interessa questo tipo di attività”.

Umberto Chiariello: “Il Napoli deve, di nuovo, rincorrere”
Umberto Chiariello: “Tre concetti per discutere della partita di ieri sera. Avevo previsto tutto. Alla fine è stato decisivo Meret con le sue parate e Milik che ha segnato all’andata e al ritorno. La sconfitta è ininfluente ma è stat brutta per mentalità perchè il Napoli avrebbe dovuto giocare come nella prima mezz’ora. Il segnale è Ancelotti che stringe i pugni. Ora c’è l’Arsenal che è peggio del Chelsea perchè ha una storia. Abbiamo già incontrato e battuto l’Arsenal e per questo motivo il Napoli non è favorito. Ci ritroviamo ancora una volta come in Champions. Il Napoli non è più padrone del proprio destino. Il Napoli o ribalta il pronostico o abbandona tutte le competizioni confermando che è un anno di transizione”.

Giorgio Ciaschini: “Contro l’Arsenal conterà segnare fuori casa e avere tutti i giocatori in forma”
Giorgio Ciaschini, osservatore: “Sicuramente il sorteggio non è stato fortunato però Ancelotti avrà pensato che giocarsela contro una squadra forte come l’Arsenal sarà più stimolante. Oltre la squadra inglese, restano le due spagnole che sono sempre imprevedibili. Giocare il ritorno in casa è molto importante perchè il Napoli ha dimostrato che con il suo pubblico ha più forza. L’Arsenal gioca in casa e fuori in modo autonomo. Quello che conterà sarà avere tutti i giocatori e fare goal fuori casa”.

Stefano Borghi: “Arsenal-Napoli è un incrocio difficile ma interessante”
Stefano Borghi, DAZN: “L’Arsenal è camaleontico e sta molto bene. Trovare una squadra del genere può dare qualcosa in pù. E’ un bellissimo incrocio quasi assimilabile alle notti di Champions. Quando arrivi ai quarti di Coppa non devi pensare all’avversario ma solo a vincere. Il fattore campo non lo trovo tanto influente. Le squadre inglesi hanno sempre un timore reverenziali con le squadre italiane perchè hanno paura di essere fregate tatticamente. Questo può essere un vantaggio per il Napoli. L’Arsenal gioca in tanti modi con giocatori che cambiano facilmente ruolo e dipende dalle serate. Il punto debole resta l’andare fuori dall’Inghilterra. Le inglesi all’estero giocano partite lunghe e ciò le destabilizza”.

Fabrizio Biasin: “L’Inter si è complicata la strada da sola. Finale Champions: presagio Messi-Ronaldo”
Fabrizio Biasin, Libero: “In condizioni normali era un turno che l’Inter poteva passare ma avendo una serie di situazioni precarie che l’hanno danneggiata. A questo punto il sorteggio Champions lascia il tempo che trova perchè tutte le squadre vanno prese con le pinze. Sembra un sorteggio che presagisca una finale Messi-Ronaldo. In Europa League, il Napoli ha tutte le carte in regola per arrivare in fondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.