fbpx

James Rodriguez apre al Napoli: “Penso che mi troverei bene, è il club di Maradona!”

JAMES -RODRIGUEZ

James Rodriguez parla dopo la vittoria della Nazionale Colombiana, con la quale si è reso protagonista grazie all’assist per il gol di Zapata che ha portato alla vittoria i cafeteros. Il fortissimo trequartista apre alla soluzione azzurra.

Queste le parole di James Rodriguez:

“Andare al Napoli e tornare a lavorare con Ancelotti? Non so, per ora sto solo pensando alla nazionale e a giocare una buona Coppa America“.

Dribbla le domande scomode sul suo futuro, dopo la gara vinta dalla Colombia contro il Qatar in cui ha servito l’assist decisivo per il gol di Duvan Zapata dell’1-0.

Il trequartista, sollecitato dalle domande sul Napoli da parte dei giornalisti colombiani, si sbilancia un po’ su gli azzurri: “È un club pieno di storia, lì ci ha giocato Diego Armando Maradona. Credo che mi troverei bene in questo contesto, ma come ho detto penso alla Colombia”

LA RIFLESSIONE DE “IL ROMA”

Qualche anno fa Aurelio De Laurentiis si scagliò duramente contro i procuratori.

“Sono il male del calcio”, in buona sostanza, disse, per delle manovre che tentava di fare Mino Raiola, cercando di portare Marek Hamsik al Milan. Un pensiero abbastanza diffuso.

Stavolta, invece, li ringrazia e sottolinea l’amicizia preziosa di Jorge Mendes, il super procuratore portoghese. Cambia, addirittura, parere, in maniera diametralmente opposta su Mino Raiola, l’agente italiano tra gli uomini più influenti del calcio italiano.

Se James Rodriguez arriverà a Napoli gran parte del merito sarà proprio di Mendes, che ha fatto da mediatore tra il Napoli e il Real Madrid e ha confezionato un trasferimento di grande prestigio. Ma non bisogna esagerare con l’ottimismo.

Questi personaggi prima di “dare” non solo chiedono, ma pretendono. Possono tutto, o quasi, ma che sia alle loro condizioni.

Anche un imprenditore sagace e intelligente come il presidente del Napoli deve accettarlo. Intanto De Laurentiis ha stroncato quell’aria entusiastica che da qualche ora circolava intorno all’operazione James Rodriguez.

Era stata presentata l’operazione come una sorta di affare, prestito senza particolari impegni e riscatto a prezzo di favore. In realtà non c’è nessun prestito a condizioni vantaggiose per il Napoli, ma un’operazione molto onerosa, che De Laurentiis farà in maniera sostanzialmente forzata.

Vero che il club azzurro eviterà di pagare James in una sola soluzione, ma il presidente azzurro dovrà sborsare “soltanto” una cifra che oscilla tra i 10 e i 15 milioni per il prestito del colombiano. Il resto, per compensare la cifra richiesta dal Real al momento del riscatto, soltanto in un secondo momento.

Dovrebbe ammontare a 42 milioni la cifra complessiva dell’operazione. Anche se Perez di milioni ne ha chiesti 50. Quindi un prestito con obbligo? No, ma il succo non cambia. Il discorso è semplice: un prestito è conveniente solo se non costa nulla, e quindi il riscatto è pienamente facoltativo.

Il problema sorge quando il prestito diviene oneroso, più è alta la cifra per ottenerlo più si è “costretti” a esercitare il riscatto, per non buttare nel cestino l’investimento.

E’ praticamente quello che il Real costringerà a fare al Napoli. Tra l’altro il Real Madrid non intende prestare James per due anni, ma soltanto per uno.

Per un prestito biennale Perez dovrebbe fare un nuovo contratto a James. Ma non ne ha intenzione. Ecco perché De Laurentiis deve organizzarsi per il riscatto, e starebbe lavorando per dilazionare il pagamento in quattro soluzioni, dando al Real priorità su alcuni calciatori azzurri che hanno la clausola, ma solo a partire dalla prossima stagione.

Uno di questi dovrebbe essere Koulibaly. E anche se non lo dice, De Laurentiis spera che a mali estremi il colombiano possa interessare ad altri club in futuro, in modo che possano sobbarcarsi loro il pesante riscatto.

Un po’ come fatto dal Milan con Higuain, che lo ha rifilato al Chelsea risparmiando un riscatto di 52 milioni di euro, ma buttando al vento i 18 millioni spesi per il prestito.

DALLA SPAGNA

Una voce dalla Spagna potrebbe rappresentare un ostacolo per la trattativa che dovrebbe portare James Rodriguez al Napoli.

Infatti come riferisce il “Mundo Deportivo“, il fantasista colombiano sarebbe stato proposto al Psg dal Real Madrid.

Il calciatore potrebbe rientrerebbe in un mega scambio per acquistare Neymar, ormai scontento nel club parigino. Il Real Madrid ha già fatto un’offerta per Neymar al Psg.

Il club spagnolo è disposto a spendere 130 milioni. Nell’operazione, verrebbe inserito uno tra Gareth Bale, che non rientra nei piani di Zinedine Zidane, o James Rodriguez. Anche se il gallese sembra essere la soluzione preferita dai transalpini.

 

DE LAURENTIIS SU JAMES RODRIGUEZ

James Rodriguez risponde ad un quadro di desiderio di Carlo Ancelotti, non so quanto risponda al 100% alle nostre esigenze di gioco. Ancelotti lo conosce e sa quanto può essergli utile. Io non faccio una piega, anche se è costosissimo andiamo avanti. Questa è sicuramente una soluzione, se non dovesse andare in porto questa soluzione che stiamo elaborando con l’agente ed amico Jorge Mendes.Questo è quanto detto ieri a proposito del colombiano dal presidente Aurelio De Laurentiis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.