fbpx

Labiale Rocchi – “Basta con lavali col fuoco”

labiale Gianluca Rocchi

Chiaro il labiale dell’arbitro Rocchi al minuto 68 del match contro i cori razziali.

E’ appena terminato il match Roma-Napoli e di questa partita ricorderemo soprattutto la corsa che Gianluca Rocchi ha fatto verso il Var per assegnare un rigore e il suo labiale contro i cori razziali.

“Basta con lavali col fuoco”. Ecco cosa dice Rocchi verso Llorente che gli chiede il perchè della sospensione della partita. L’aveva minacciato e dopo pochi minuti ha mantenuto quanto detto, visto che nonostante il secondo annuncio dello speaker i cori non si sono fermati. Davvero bello il gesto di Dzeko che sotto la curva ha invitato i tifosi a cantare.

Rocchi viene ricordato per essere il primo arbitro della storia ad aver sospeso un partita ufficiale di Serie A a causa dei cori razzisti. Il 12 maggio 2013 durante la gara di campionato tra Milan e Roma, ha sospeso il match per circa 2 minuti, a seguito di cori razzisti levatisi dal settore ospiti nei confronti del calciatore rossonero Mario Balotelli. 

Anche nella gara Verona – Brescia vi sono stati cori razzisti nei confronti di Balotelli, il presidente Setti ha commentato in questo modo.

Nel post Verona-Brescia ha parlato anche il presidente gialloblù Setti: “Mi associo a quanto detto da Juric, in campo non abbiamo sentito nulla. So come funziona… i tifosi veronesi sono particolari e hanno un modo di fare simpatico di prendere in giro la gente. Ma il razzismo non esiste. E se esiste siamo i primi a condannarlo. Se due persone su 20 mila dicono qualcosa di diverso non bisogna estremizzare… li prendiamo e li radiamo dal calcio, la soluzione è questa. Non dobbiamo ricordarci della Verona di 30 anni, al giorno d’oggi siamo una società che ha nel dna lo sport: abbiamo tantissimi giocatori di colore, quindi il razzismo lo condanniamo. Ripeto, oggi dal campo non esiste nulla. I tifosi del Verona sono ironici ma non razzisti.

Conosco Balotelli è una persona sensibile, forse oggi è altro oltre perché stavamo giocando e non si è sentito nulla. Ovvio che un gesto fatto da un giocatore del genere abbia una rilevanza diversa. Ho parlato con Balo, gli ho chiesto scusa se qualcuno ha detto qualcosa, ma non si è sentito nulla in campo. Stiamo ingigantendo qualcosa. A Verona non è successo nulla”. Così ha concluso Setti. (Clicca QUI per l’articolo completo sui cori Verona – Brescia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *