fbpx

Napoli – Atalanta 4-1, il commento e le pagelle

Napoli Atalanta

Napoli – Atalanta 4-1, il commento e le pagelle

Dalla nostra redazione, ecco il commento alla gara e pagelle della vittoria del Napoli per 4-1 contro l’Atalanta. Una vittoria che getta le polemiche delle scorsa settimana alle spalle.

Il Napoli è tornato. Neutralizzando l’Atalanta con un netto 4-1, la squadra di Gattuso rilancia le proprie ambizioni in campionato mettendosi alle spalle le turbolenze della mancata trasferta di Torino. La pressione mediatica e le incertezze del momento rischiavano di riflettersi sul campo, invece il tecnico calabrese ha mandato in campo un gruppo tranquillo, consapevole e sfrontato a sufficienza da avere la meglio su una delle squadre più in forma del momento.

Gattuso lancia dal primo minuto Bakayoko affiancandolo a Fabian Ruiz a centrocampo nel 4-2-3-1, confermando le indiscrezioni della vigilia. Turnover per Gasperini, invece, che inserisce Romero al centro della difesa e Depaoli, Pasalic e Ilicic in luogo di Hateboer, Freuler e Malinovskyi.

PRIMO TEMPO

Il Napoli parte benissimo aggredendo l’Atalanta nella propria metà campo ma stando attento a non alzare troppo il baricentro. A contribuire al dominio dei primi 20 minuti sono soprattutto i quattro giocatori offensivi che affrontano il primo pressing con grande abnegazione e altruismo. Mertens è particolarmente ispirato e fa un gran lavoro di raccordo fra l’attacco e il centrocampo, illuminando con aperture precise. Un guizzo di Gomez al 20esimo mette i brividi a Ospina con una conclusione che termina di poco fuori.

Al minuto 23 il Napoli passa in vantaggio con il “Chucky” Lozano che mette in porta da pochi passi un cross basso di Di Lorenzo, favorito da una gran giocata di Politano. E’ sempre il messicano 5 minuti dopo a convertire in rete un contropiede con una conclusione a giro sul secondo palo. Un vero gioiello che conferma la bontà del suo inizio di stagione e della scelta di trattenerlo a Napoli dopo l’investimento su di lui l’anno scorso. L’Atalanta va in bambola e al 30esimo è Politano a trafiggere Sportiello con una staffilata dai 20 metri su un appoggio di Fabian Ruiz. Sul 3-0 il Napoli inizia a tirare un po’ il fiato.

Per vedere la prima conclusione in porta dell’Atalanta bisogna attendere comunque il minuto 41, con Toloi che sugli sviluppi di un corner calcia centralmente. A pochi secondi dall’intervallo ecco Osimhen, che segna il primo gol ufficiale in azzurro: lancio lungo di Ospina, Romero va a vuoto e il nigeriano ha tutto il tempo di accomodarsi il pallone e calciare con forza e precisione nell’angolino.

SECONDO TEMPO

Gasperini cambia a inizio ripresa inserendo Djimsiti e Mojica per Palomino (decisamente sotto tono) e Zapata, passando a un 4-4-2. Il Napoli abbassa notevolmente il ritmo di gioco per gestire il risultato. Di fatto, la partita si è conclusa nei primi 45 minuti, ma al 69esimo Lammers (subentrato a Gomez al 55esimo) realizza con freddezza il gol della bandiera: Romero vince due rimpalli a centrocampo, Ruiz non spende il fallo, Koulibaly va a vuoto e il giovane attaccante olandese ringrazia per il gol della bandiera.

Nella girandola dei cambi Gattuso si copre inserendo Ghoulam, Malcuit e Lobotka per Mertens, Bakayoko e Politano. Il Napoli finirà la partita disposto in un 4-4-1-1 molto coperto con Lozano rifinitore alle spalle di Osimhen e Ghoulam e Malcuit, di professione terzini, a fare gli esterni alti. In una ripresa che si avvia lentamente verso la fine, c’è tempo per vedere in campo Demme e Petagna per Fabian Ruiz e Osimhen. Nei nerazzurri dentro Muriel per Gosens con il ritorno al 3-4-2-1 per gli ultimi 10 minuti di partita.

LE PAGELLE DI NAPOLI – ATALANTA 4-1

Ospina 6,5
Hysaj 6,5
Koulibaly 6,5
Manolas 6,5
Di Lorenzo 6,5
Bakayoko 6,5
(Lobotka sv)
Fabian 7
(Demme sv)
Lozano 7,5
Mertens 7
(Malcuit 6)
Politano 7
(Ghoulam 6)
Osimhen 7
(Petagna sv)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 13 =