fbpx

Il Napoli pareggia, ma quanta nostalgia!

Il Napoli vince

Il Napoli pareggia, ma quanta nostalgia!

Il pareggio del Napoli con la Real Sociedad, 1-1, permette alla squadra di Rino Gattuso di proseguire il percorso verso i sedicesimi di finale di Europa League.

Gli azzurri hanno chiuso il loro girone in testa con 11 punti, seguiti dalla Real Sociedad a 9 punti e dall’AZ Alkmar a 8 punti, squadra olandese battuta questa sera dal Rijeka, fanalino di coda nel girone.

Ma il paregggio del Napoli, prima partita al Diego Armando Maradona di Napoli, ex stadio San Paolo, ha il sapore

della nostalgia più infinita.

I brasiliani la chiamano SAUDADE, per gli argentini è un TANGO NOSTALGIAS, per noi napoletani è la tristezza della vita.

Soltanto a profferire il nome di colui che è stato il più grande calciatore al mondo, Diego Armando Maradona, fa rabbrividire.

Il pensiero che in questo stadio il Diez abbia incantato una città e più di una generazione, commuove, al punto che non è possibile trattenere le lacrime.

Diegol, El Pibe de Oro, l’Extraterrestre ha calcato l’erba del suo stadio portando alla gente un calcio diverso,

sconosciuto fino a quel momento, un calcio più che BAILADO, un calcio fatto di tocchi, tacchi,

verticalizzazioni d’effetto, gol su misura pensati e realizzati con la grazia del predestinato, con la forza e

la semplicità del più grande di tutti, con la gioia nei suoi occhi e con l’amore sincero verso di Lui, nei nostri cuori.

Mai nel calcio un uomo ha trasformato uno sport di squadra in uno sport individuale, eppure Diego ci è riuscito.

Da solo con la sua testardaggine, la sua vivacità, il suo genio, si è caricato una squadra sulle spalle e l’ha condotta alla vittoria.

Maradona ha imposto la sua forza e, di conseguenza, quella del Napoli, in Italia e in tutto il vecchio continente,

vincendo 2 scudetti in Italia, una coppa Italia, una supercoppa italiana, una coppa Uefa in Europa.

Questa sera si è esultato per il Napoli e si è pianto per l’assenza dell’uomo, del campione, del figlio più caro della nostra città.

Una bella galoppata in Europa League, ma l’animo del napoletano, del tifoso degli azzurri da sempre, è rivolto al pensiero di Diego,

alla sua assenza, alla nostra voglia di immaginarlo tra noi per il gusto di farci raccontare una sua azione,

un suo gol nel suo tempio per sempre, nel suo stadio….nel suo San Paolo di Napoli.

Il Napoli avanti in Europa League, ma quanta nostalgia!

Diego Armando Maradona vivrà per sempre nella mente e negli occhi della gente.

E il Napoli prosegue il suo cammino verso l’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − undici =