fbpx

Napoli Rangers 3-0, le pagelle. Cholito show, Kim Undertaker

Napoli Rangers 3-0, le pagelle. Cholito show, Kim Undertaker

Napoli e Rangers di Glasgow sono scese in campo questa sera per la quinta giornata del gruppo A di Champions League. Dopo l’importantissimo successo ottenuto nell’undicesima giornata di Serie A contro la Roma allo stadio Olimpico, gli azzurri di Luciano Spalletti mettono la partita sui binari giusti già nei primi minuti.

Roma Napoli, le pagelle:

Meret 6,5 – Salva su Morelos con un intervento in tuffo nel primo tempo.

Di Lorenzo 7 – Dieci minuti, e gran palla per l’1-0 del Cholito. Un terzino moderno che per caratteristiche fisiche e tecniche giocherebbe titolare anche in una squadra di trent’anni fa.

(Zanoli s.v.)

Ostigard 7,5 Benissimo, il norvegese. Cattivo in marcatura e dominante nel gioco aereo. Se ne accorgono gli scozzesi.

Kim Min-jae 7 – Undertaker.

Mario Rui 7,5 – Ancora il portoghese, ancora per il numero 18: sublime la palla per la seconda rete di Simeone. Cruciale nel palleggio. Si immola su conclusione a colpo sicuro di Morelos. Sfiora il gol. Termina la partita con la fascia al braccio.

Elmas 6 – Il paradosso di risultare tra i peggiori in campo giocando una buona partita. Anche quando Spalletti gioca a invertire le mezze ali, il macedone offre il medesimo contributo in fase difensiva.

(Gaetano 6 – Non tocca tantissime volte il pallone ma, come accaduto a Roma, ci mette qualità)

Lobotka 6,5 – Mezzo voto in meno per la palla persa a fine primo tempo, che ha offerto ai Rangers l’unica occasione limpida del primo tempo. Professore per il resto della partita.

(Zielinski s.v.)

Ndombele 6,5 – Sempre più dentro la squadra. A metà del primo tempo, spacca la traversa. Per fermarlo, Lundstram lo trattiene, poi gli sale sulla schiena. Nella ripresa perde forza nelle gambe e cala vistosamente.

Politano 7 – E’ l’emblema dello spirito di questo Napoli. Da attaccante esterno, si trasforma in centrocampista aggiunto, poi in terzino, alla velocità della luce. Qualità (incredibilmente) intatta.

(Lozano 6 – Si regala qualche affondo, ma entra in una fase di match in cui i ritmi sono calati)

Simeone 8 – Un numero 9 con il 18 sulle spalle. Doppietta di grande fattura e garra allo stato puro: vive le partite come battaglie. Mostruoso il rapporto tra minuti giocati e reti realizzate.

Raspadori 6,5 – Si abbassa per scaricare come nell’azione del primo gol, ma all’occorrenza dà profondità. Tutto con la consueta semplicità. Ci prova ad entrare nel tabellino, ma i segnali dicono che non è serata.

(Zerbin s.v.)

All. Spalletti 8 – Motivare costituirebbe una superfetazione.