fbpx

Inter-Napoli, i precedenti: il Meazza nerazzurro non porta bene ai partenopei ma Spalletti cerca la “decima”

Inter Napoli

I precedenti tra Inter e Napoli al Meazza, la Milano nerazzurra non porta bene: l’ultima vittoria partenopea nell’aprile 2017.

Inter-Napoli, i precedenti: il Meazza nerazzurro non porta bene ai partenopei.

Ritorna il campionato dopo ben due mesi di stop forzato tra Mondiali e festività natalizie. Il Napoli di Spalletti dopo il ritiro turco e qualche battuta a vuoto in amichevole, inizia il nuovo anno con il botto.

Mercoledì, infatti, per la 16esima giornata si va subito a Milano , sponda Inter, per riprendere il cammino da battistrada e magari cancellare le ultime speranze tricolore interiste.

Il campo per gli azzurri è storicamente ostico anche se, in questa prima parte di campionato, la banda Spalletti ha già espugnato San Siro contro il Milan (1-2, ndr). Gli azzurri scenderanno in campo comunque forti del +11 in classifica oltre al primato nell’anno solare con 81 punti fatti contro i 68 dell’Inter.

La buona notizia per il tecnico di Certaldo è quella di avere tutta la rosa a disposizione mentre Inzaghi ha diversi dubbi con in odore di defezione elementi importanti come De Vrij e Brozovic mentre Mkhitaryan è recuperato.

Sfida numero 8 tra i due tecnici con 3 vittorie a testa e 2 pareggi.

La Scala del Calcio, per l’occasione, si presenterà sold out: insomma i presupposti per un super posticipo ci sono tutti.

Inter-Napoli, azzurri alla ricerca della “decima”.

Il Napoli vuole la decima. Infatti il bottino azzurro in casa del biscione è di 9 vittorie contro le 50 affermazioni interiste e 17 pari.

Anche nel computo totale l’Inter è nettamente avanti al Napoli con 68 vittorie contro le 46 partenopee (38 sono i pareggi, ndr).

Gli azzurri non vincono a Milano contro l’Inter dall’aprile 2017. In quell’occasione un diagonale di Callejon al tramonto del primo tempo decise la sfida.

Lo scorso anno, invece, i nerazzurri vinsero (con brivido finale) 3-2: al vantaggio ospite di Zielinski risposero Calhanoglu (di rigore), Perisic (a fine primo tempo) e Martinez al 15esimo della ripresa. Mertens, dalla panchina, a 12 minuti dal termine con un gran destro, mise pepe al finale di gara ma senza regalare, poi, altre emozioni.

Per ricordare il segno X bisogna ritornare al marzo 2018 (0-0 il punteggio, ndr).

Per il tecnico piacentino, il confronto con il Napoli è comunque impari con sole tre vittorie contro le ben 10 affermazioni napoletane (2 pareggi).

Non male, invece, il confronto tra Spalletti (ex di giornata) e l’Inter con il toscano che ha collezionato 9 vittorie, 8 pareggi e 7 sconfitte.

Mercoledì Spalletti e il Napoli possono raggiungere, guarda un po’, la decima contro la Beneamata, a braccetto…