fbpx

Flachi: Napoli? “È una squadra che può fare tutto, può cambiare moduli anche durante le partite

Napoli Udinese
A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Francesco Flachi, ex calciatore, tra le tante, di Sampdoria e Fiorentina
Giudizio sul percorso di Fiorentina e Samp? “Nelle ultime due gare hanno mostrato qualcosa di positivo. La Samp spera di salvarsi, anche se attualmente è indietro rispetto alle rivali. Mi auguro che possa avere qualcosa in più e che sia presto trovato un assetto societario definitivo. Le voci della complicata situazione economica del club doriano girano e distolgono l’attenzione dei calciatori, i quali tendono a rilassarsi. I giocatori, infatti, si domandano spesso cosa potrebbe succedere in situazioni simili”. Rallentato il percorso di crescita di Italiano? “La gente pretende troppo, soprattutto in questo momento dopo aver disputato soltanto due partite… Naturalmente il girone d’andata non estremamente positivo, ma la Fiorentina deve riprendere il proprio ritmo. È cominciato un nuovo campionato. Bisognerà essere anche abili nella gestione della squadra nei novanta minuti delle partite per far rifiatare tutti i calciatori presenti in rosa. Il reale valore di una squadra è rappresentato anche dalla gestione della squadra, la quale offre spesso un segnale importante”. Pensieri sulla Juve in vista della prossima gara con il Napoli? “Mi aspetto una mentalità da Juve, nonostante gli addii di alcuni pilastri bianconeri. La mentalità vincente, tuttavia, è stata tramandata ai calciatori attuali, anche se è avvenuto un cambio generazionale. Sarà una gara complicata, bisogna essere sempre prudenti nel corso delle gare. Vedi il Milan, il quale si è rilassato nel finale ed ha concesso due gol alla Roma. Si rischia di subire reti o di poter essere recuperato anche con un vantaggio importante in classifica: è cambiata la qualità rispetto al passato, tutto può succedere. Ai nostri tempi situazioni simili non si verificavano, negli ultimi anni, invece, si rischia di buttare via un’annata a causa di alcuni episodi”. Solo fortuna per la Juve? “Si cerca sempre il gran calcio, spesso si tende a partire dal basso… Dobbiamo accettare questa nuova generazione calcistica, anche se sono sempre legato ad una visione basata su tante verticalizzazioni. Se poi ci soddisfa soltanto focalizzarsi sul possesso palla, ci accontentiamo di poco. Quest’anno la Juve era partita male, ma ora sta recuperando punti. Bisognerà essere prudenti, ed analizzare anche le dinamiche interne di alcune situazioni per vincere. Parere sulla stagione del Napoli? “È una squadra che può fare tutto, può cambiare moduli anche durante le partite. Credo sia lecito perdere a Milano contro una squadra forte. La reazione c’è stata subito, agevolata anche da un episodio a favore. Mi auguro che il Napoli possa vincere il campionato, sarebbe lecito per quanto dimostrato negli ultimi anni”.