fbpx

Focus azzurro-Siamo ancora qui

Focus azzurro-Siamo ancora qui-La consueta rubrica del giorno dopo

Siamo ancora qui- Il Napoli dopo aver battuto l’Udinese in casa, conferma il suo ottimo stato di grazia vincendo anche contro il Lecce in trasferta per quattro a zero e si avvicina enormemente alla testa della classifica. La comitiva Garcia a Lecce ha giocato una buonissima partita rimanendo accorciata tra i reparti e mettendo finalmente in mostra il talento dei suoi uomini migliori. Infatti Anguissa, Lobotka, ma soprattutto il magico Kvara, stanno ritornando ai livelli che gli sono congeniali e stanno tirando fuori dalle sabbie mobili la squadra, da un periodo complesso iniziale che aveva turbato tutto l’ambiente partenopeo.

Ma ora soffermiamoci sul contributo tecnico degli azzurri nella trasferta di Lecce.

Sufficiente la prova di Meret, che però risulta ancora troppo timido nelle uscite. Diligente e propositiva la partita degli esterni bassi Di Lorenzo e Olivera. Non trascendentale la prova del Capitano azzurro più intento alla fase difensiva che a quella propulsiva, ma comunque risponde sempre presente quando le acque si agitano. Reattivo Olivera che fa sportellate con Hlmquist uscendone spesso vincente. Appare sensibilmente migliorato nella fase difensiva.

Siamo ancora qui-Straripante la prova della coppia centrale difensiva formata da Ostigard e Natan.

Tonica e rampante la partita di Ostigard, non ha paura di niente e di nessuno ed ha anche il tempo di andare a siglare la prima rete azzurra, che mette in discesa la sfida contro il Lecce. Al contempo sorprendente e confortante la prova del brasiliano Natan, mantiene la posizione assegnatagli e riesce sempre a farsi rispettare quando le circostanze lo impongono. A questo punto siamo sicuri che Natan con il ritorno prossimo di Rrahmani, costituirà un asse centrale difensivo degno di nota. Sontuosa la prova del centrocampo napoletano. Muscolare Anguissa che a Lecce erge una diga a centrocampo, spegnendo la luce al corrispettivo reparto avversario. Da quando è ritornato ad essere

Zambo è una delizia per gli occhi e per il cuore!

Elegante come suo solito Zielinski, che a volte sembra che giochi un calcio estremamente raffinato, decisamente sconosciuto ai più. Il centrocampista partenopeo scorazza sulla trequarti avversaria, provocando affanni e dolori per tutto l’incontro alla retroguardia leccese.

Magistrale la regia del Mago Lobotka tornato ad essere il faro luminoso del centrocampo napoletano, tocca decine e decine di palloni indirizzandoli sempre per il meglio.

Lobo è tornato e lotta insieme a noi! Altalenante la prova del comparto avanzato. Mediocre la partita del nuovo acquisto Lindstrom sembra inizialmente spaesato, ma anche con il passare del tempo la sua prestazione non riesce mai a decollare. Ma si sa che il danese ha del talento e bisogna solo aspettarlo! Dignitosa la prova del Cholito Simeone, utile alla squadra più in fase di rifinitura che in quella di conclusione. Comunque l’argentino si sbatte fino a quando rimane in campo. Ispirato Kvara che cerca in ogni sua giocata di estrarre il coniglio dal cappello, cosa che però non gli riesce sempre, è ridiventato un calciatore fondamentale per la formazione napoletana.

Siamo ancora qui-Per quanto concerne invece i subentrati nota di merito per Politano, Osimhen e Gaetano che con la loro esuberanza fisica e il loro innato talento, hanno consentito alla squadra di aumentare il bottino in termini di reti.

In sintesi la formazione di Garcia vince la seconda partita consecutiva in campionato, facendo capire a tutto il sistema pedatorio italiano, di essere assolutamente viva e pronta a difendere con i denti lo scudetto da poco conquistato. È vero le milanesi stanno correndo fortissimo, ma basterà una striscia di vittorie consecutive per ritornare a riveder nuovamente le stelle. Adesso martedì ci aspetta la partita in Champions contro il Real Madrid dell’ex Carletto Ancelotti, una sfida che si preannuncia pregna di storia e di emozioni. Una vittoria contro i Blancos sarebbe di grandissimo prestigio e ci consentirebbe di andare in testa al girone eliminatorio. Sarà sicuramente difficile, ma come si sa sognare non costa assolutamente nulla…